Venezia 2022

master-gardener

Alla Mostra di Venezia piace Paul Schrader, e viceversa. Il regista e sceneggiatore statunitense, dopo aver portato sul Lido negli scorsi anni i suoi splendidi First Reformed e Il collezionista di carte, entrambi ingiustamente poco considerati al botteghino benché tra i film americani più significativi dell'ultimo decennio, ha scelto il festival italiano anche per il terzo capitolo di quella che lui stesso considera una trilogia su personaggi solitari e tormentati. Master Gardener è stato presentato fuori dalla competizione ufficiale, con lo stesso Schrader omaggiato del Leone alla carriera.

Leggi tutto: Venezia 79: Master Gardener di Paul Schrader, la recensione

un-couple

Approcciare per la prima volta a 92 anni il racconto di finzione sarebbe già sufficiente ad apprezzare lo slancio di un autore, ma in questo caso Frederick Wiseman non ha bisogno di sconti. Immersa in un paesaggio bucolico, Sofia Tolstoj ci racconta la sua relazione con il marito Leo dagli inizi fino alla separazione.

Leggi tutto: Venezia 79: Un couple di Frederick Wiseman, la recensione

bardo

“La depressione è una malattia dei borghesi che nasce dall'ozio”, con la pigrizia di una massima di questo stampo si può riassumere l'esperienza che matura in sala durante la visione di Bardo, un po' brillante, un po' frustrante. Silverio Gama, illustre giornalista e documentarista messicano che ha costruito famiglia e carriera a Los Angeles, torna in Messico per festeggiare con famigliari e amici l'assegnazione del più importante premio giornalistico del mondo distopico messo in scena da Alejandro G. Iñárritu.

Leggi tutto: Venezia 79, la recensione di Bardo, falsa crónica de unas cuantas verdades di Alejandro G. Iñárritu

princess 

Film d'apertura di Orizzonti alla Mostra di Venezia 2022, Princess è l'opera seconda di Roberto De Paolis, a cinque anni dall'esordio con Cuori puri. È una fiaba, come lasciano intendere i bellissimi titoli di testa che sembrano usciti da un film Disney degli anni '50? Il mondo favolistico è un orizzonte di riferimento per il film di De Paolis, che però ne ribalta ogni prospettiva ed elemento per mostrarci un ritratto estremamente naturalistico, da cinema del reale, del mondo della prostituzione sul litorale romano.

Leggi tutto: Venezia 79: la recensione di Princess

white-noise

A inaugurare la Mostra di Venezia 2022, dopo la cerimonia di apertura con il Leone alla carriera alla divina Catherine Deneuve e l'immancabile discorso di Zelensky, dopo la prima pioggia di questa 79esima edizione e il tormentone sulle difficoltà a prenotare i posti in sala, è uno dei film più ambiziosi di Noah Baumbach, che a tre anni dal suo splendido Storia di un matrimonio torna al Lido con White Noise, adattamento del celebre romanzo Rumore bianco di Don DeLillo. Dal suo film precedente, il regista newyorchese ha richiamato l'ormai sodale Adam Driver, affiancato dalla musa e compagna di Baumbach Greta Gerwig e da un bel cast di contorno in cui spiccano Don Cheadle, Jodie Turner-Smith e il Lars Eidinger visto di recente anche in Irma Vep.

Leggi tutto: Venezia 79: White Noise, la recensione del film di Noah Baumbach con Adam Driver e Greta Gerwig

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.