Mostra di Venezia 2018

shadow - 2

Cina, II/III secolo: in un clima politico vessato da tensioni e guerre intestine, i sovrani si servono di sosia chiamati “ombre” disposti a sacrificare la propria vita per salvare quella del loro re.

Leggi tutto: VENEZIA 2018: SHADOW – La recensione

vox-lux

Una strepitosa e sempre più bella Natalie Portman è protagonista di Vox Lux, ultimo e poco convincente film di Brady Corbet. Il lungometraggio partecipa al concorso ufficiale della 75^ edizione del Mostra del cinema di Venezia. Corbet mette in scena l’ascesa al successo di una popstar dei giorni nostri, che da bambina sopravvisse a una strage avvenuta in una scuola per mano di un ragazzo instabile mentalmente e armato, riportando una lesione alla spina dorsale. Gli eventi iniziali, quindi l’esatto momento in cui il ragazzo entra nella classe di Celeste (Natalie Portman da bambina interpretata da Raffey Cassidy, che impersonerà anche Albertine, la figlia di Celeste ormai adulta e famosa), sparando prima all’insegnante di musica e poi agli studenti, sono il momento di maggior picco per pathos e tensione del film; il resto va man mano scemando.

Leggi tutto: VENEZIA 2018: VOX LUX – La recensione

22july

22 luglio 2011: la Norvegia viene colpita da un duplice attacco terroristico, compiuto dal militante di estrema destra Anders Breivik (Anders Danielsen Lie). Dopo un’autobomba esplosa presso il palazzo ospitante l’ufficio del Primo Ministro, Breivik si reca in vesti di poliziotto sull’isola di Utøya, sede di un campus estivo: qui spara come un cecchino sulla folla, causando la morte di 69 ragazzi. Tra i pochi sopravvissuti Viljar (Jonas Strand Gavli), costretto ad affrontare una lunga e faticosa convalescenza e ad essere perseguitato dal fantasma del tragico accaduto.

Leggi tutto: VENEZIA 2018: 22 JULY – La recensione

operasenzautore

Ispirato alla vita del pittore tedesco Gerhard Richter, Opera senza autore ripercorre la storia della Germania a partire dalla Seconda guerra mondiale. 

Leggi tutto: VENEZIA 2018: OPERA SENZA AUTORE – La recensione

acusada

Nel concorso ufficiale della 75^ Mostra del Cinema di Venezia è stato presentato l'ultimo film dell'argentino Gonzalo Tobal, Acusada, opera dall'impatto minore rispetto al precedente Il segreto dei suoi occhi. Tobal realizza un classico giallo giudiziario che narra la storia di Dolores, la quale trascorre la sua vita come quella di tante altre ragazze poco più che ventenni, dividendosi tra amiche, svago, famiglia e università. Un giorno però, dopo una festa, la sua ex migliore amica, che aveva reso virale un video porno amatoriale di Dolores, viene trovata brutalmente assassinata. Le accuse ricadono sulla protagonista, che per i successivi due anni vive chiusa in casa con la sua famiglia. Quest'ultima finisce quasi sul lastrico per far fronte alle spese giudiziare, in più l'attenzione mediatica nazionale è completamente catalizzata su Dolores, un po' come per il caso di Amanda Knox qui in Italia.

Leggi tutto: VENEZIA 2018: ACUSADA – La recensione

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI FEBBRAIO 2019

 tramonto

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di FEBBRAI2019

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.