Interviste

IL CALENDARIO DI AGOSTO 2018

 MI-fallout

Ecco il calendario completo delle uscite in sala del mese di agosto 2018. Il film per noi più atteso è Mission: Impossibile - Fallout di Christopher McQuarrie, nuovo capitolo della saga con Tom  Cruise nei panni dell'agente segreto Ethan Hunt.
Leggi tutto...

venezia2018

Finalmente, ecco il programma completo della 75esima Mostra del Cinema di Venezia, al Lido dal 29 agosto all'8 settembre 2018. L'edizione si preannuncia davvero scoppiettante. Da Luca Guadagnino (con il remake di Suspiria) a nomi come Damien Chazelle (suo  il film d'apertura, First Man), Assayas, i fratelli Coen, Lanthimos le premesse sono eccellenti. Da notare in Orizzoni l'attesissimo La profezia dell'armadillo da Zerocalcare e fuori concorso il remake A Star Is Born di Bradley Cooper con Lady Gaga. A guidare la giuria sarà Guillermo del Toro, mentre Vanessa Redgrave e David Cronenberg riceveranno il Leone alla carriera. 

 


CONCORSO UFFICIALE

– First Man di Damien Chazelle (Film d’apertura)

– The Mountain di Rick Alverson

– Doubles Vies di Olivier Assayas

– The Sisters Brothers di Jacques Audiard

– The Ballad of Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen

– Vox Lux di Brady Corbet

– Roma di Alfonso Cuarón

– 22 July di Paul Greengrass

– Suspiria di Luca Guadagnino

– Werk Ohne Autor (Opera senza autore) di Florian Henckel von Donnersmarck

– The Nightingale di Jennifer Kent

– The Favourite di Yorgos Lanthimos

– Peterloo di Mike Leigh

– Capri-Revolution di Mario Martone

– What You Gonna Do When the World’s On Fire di Roberto Minervini

– Napszállta (Sunset) di László Nemes

– Frères Ennemis di David Oelhoffen

– Nuestro Tiempo di Carlos Reygadas

– At Eternity’s Gate di Julian Schnabel

– Acusada di Gonzalo Tobal

– Zan (Killing) di Shin’ya Tsukamoto

 

ORIZZONTI

– Sulla mia pelle di Alessio Cremonini (Film d’apertura)

– Kraben Rau (Manta Ray) di Phuttiphong Aaronpheng

– Soni di Ivan Ayr

– Ozen (The River) di Emir Baigazin

– La noche de 12 años di Alvaro Brechner

– Deslembro di Flavia Castro

– Anons (The Announcement) di Mahmut Fazil Coşkun

– Un giorno all’improvviso di Anna Foglietta

– Charlie Says di Mary Harron

– Amanda di Mikhael Hers

– Yom Adaatou Zoli (The Day I Lost My Shadow) di Soudade Kaadan

– L’Enkas di Sarah Marx

– The Man Who Surprised Everyone di Natasha Merkulova e Aleksy Chupov

– Kukumbu Tubuh Indakuhn (Memories of My Body) di Garin Nugroho

– As I Lay Dying di Mostafa Sayyari

– La profezia dell’armadillo di Emanuele Scaringi

– Erom (Stripped) di Yaron Shani

– Jinpa di Pema Tseden

– Tel Aviv On Fire di Sameh Zaobi

– Un Peuple et son roi di Pierre Schoeller

– La quietud di Pablo Trapero

– Ying (Shadow di Zhang Yimou

– Dragged Across Concrete di S. Craig Zahler

 

FUORI CONCORSO (fiction)

– A Star Is Born di Bradley Cooper

– Una storia senza nome di Roberto Andò

– Mi obra maestra di Gastón Duprat

– A Tramway in Jerusalem di Amos Gitai

 

FUORI CONCORSO (documentari)

– A Letter to a Friend in Gaza di Amos Gitai

– Aquarela di Victor Kossakovski

– El Pepe – Una vida suprema di Emir Kusturica

– Process di Sergei Loznitsa

– Carmine Street Guitars di Ron Mann

– Isis, Tomorrow. We Lost Souls of Mosul di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi

– American Dharma di Errol Morris

– Introduzione all’oscuro di Gaston Solnicki

– 1938 diversi di Giorgio Treves

– Ni De Lian (Your Face) di Tsai Min-Liang

– Monrovia, Indiana di Frederick Wiseman

 

SCONFINI

– Blood Kin di Ramin Bahrani

– Il banchiere anarchico di Giulio Base

– Il ragazzo più felice del mondo di Gipi

– Arrivederci Saigon di Wilma Labate

– The Tree of Life Extended Cut di Terrence Malick

– L’Heure de la sortie di Sébastien Marnier

– Magic Lantern di Amir Naderi

– Camorra di Francesco Patierno

 

PROIEZIONI SPECIALI

– The Other Side of the Wind di Orson Welles

– They’ll Love Me When I’m Dead di Morgan Neville

– L’amica geniale di Saverio Costanzo (primi due episodi)

– Il diario di Angela – Noi due cineasti di Yervant Gianikian

 

BIENNALE COLLEGE

– Deva di Petra Szocs

– Yuva di Emre Yeksan

– Zen sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.