brimstone-2

In concorso alla 73° Mostra del Cinema di Venezia arriva Brimstone, thriller/western al femminile dell'olandese Martin Koolhoven.

West America, fine XIX secolo: Liz (Dakota Fanning) è una giovane madre muta che vive serenamente con la propria famiglia; ma l’entrata in scena di un sinistro reverendo (Guy Pearce) sconvolge radicalmente la sua esistenza.

Articolato in quattro distinti episodi, Brimstone procede a ritroso ripercorrendo la vita di Liz, culminando nella rivelazione dell’oscuro vincolo che la tiene legata al reverendo, suo persecutore sin dall’infanzia, e facendo ritorno alla situazione di partenza per il capitolo finale.

Quella messa in scena da Koolhoven è un’opera pesante e pretenziosa, i cui esiti si rivelano ben presto discutibili (per usare un eufemismo).

La scelta di “tingere di rosa” un genere duro quale è il western dovrebbe, a detta dello stesso regista, costituire il punto di forza del film: peccato che il risultato, complice anche la scarsa interpretazione della Fanning, sia un’insipida e maltrattata illustrazione delle severe condizioni cui erano sottoposte le donne in un contesto storico e geografico fortemente maschilista e continuamente minato dal conflitto fra fede e perdizione, purezza e perversione.

A condire un polpettone alimentato da risoluzioni narrative per lo più imbarazzanti intervengono, come se non bastasse, la durata eccessiva (quasi due ore e mezza) e l’uso smodato e a tratti grottesco della violenza.

I fan di Game of Thrones possono “consolarsi” facendosi due risate dietro al ridicolo cowboy interpretato da Kit Harington (il Jon Snow della serie), totalmente fuori personaggio.

Rivisitazione di un genere adattata a disastro.

Voto: 1,5/4

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI OTTOBRE 2018

7-sconosciuti-el-royale

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di OTTOBRE 2018

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.