Recensioni film in sala

notti-magiche

Dopo la parentesi americana di Ella & JohnPaolo Virzì torna a lavorare nei lidi nostrani con un'opera parzialmente autobiografica o, meglio, ispirata ai suoi inizi di giovane cineasta in un'era peculiare della nostra cinematografia, quando le nuove generazioni si confrontavano con gli ultimi rappresentanti del grande cinema italiano che fu. Notti magiche racconta quell'epoca in un mix tra giallo e commedia scanzonata, inserendo come protagonisti tre attori giovanissimi ed esordienti o quasi (Mauro Lamantia, Giovanni Toscano, Irene Vetere) affiancati da un cast di veterani. Nella notte della semifinale Italia - Argentina ai Mondiali di calcio del 1990, un'auto precipita nel Tevere con a bordo il cadavere di Leandro Saponaro (Giancarlo Giannini), noto produttore. Sulle note di Gianna Nannini e Edoardo Bennato, si consuma così la notte più difficile per i tre giovani sceneggiatori Antonino Scordia (Lamantia), Luciano Ambrogi (Toscano) ed Eugenia Malaspina (Vetere), i principali sospettati del delitto. Interrogati da un capitano dei Carabinieri (Paolo Sassanelli), ricostruiranno i loro rapporti con la vittima e la loro avventura nell'ultima stagione gloriosa del nostro cinema. 

Leggi tutto: NOTTI MAGICHE di Paolo Virzì - La recensione

overlord

Quando Salvate il soldato Ryan incontra il filone dei nazisti zombie, il bizzarro mix che ne esce fuori è Overlord, opera seconda di Julius Avery (regista del prossimo adattamento di Flash Gordon) che schiera un cast di giovani promesse guidato dal lanciatissimo Wyatt Russell, figlio di Kurt e Goldie Hawn, e dall'afrobritannico Jovan Adepo visto in Barriere e nella serie Jack Ryan. Il genere bellico e l'horror si mescolano così in un'opera tra Storia, ucronia e splatter, con un gruppo di militari americani della 101ª Divisione Aviotrasportata paracadutati in un villaggio francese a poche ore dallo sbarco in Normandia (l'operazione Overlord che dà il titolo al film). Nel paesino occupato dalle truppe tedesche, i pochi soldati sopravvissuti all'atterraggio, incaricati di far saltare un campanile militarizzato, scopriranno l'esistenza di orribili esperimenti nazisti sui locali, volti a creare mostri /supersoldati di inaudita ferocia.

Leggi tutto: OVERLORD di Julius Avery - La recensione

museo

"Questo film è una replica della storia originale”: è la frase che introduce Museo - Folle rapina a Città del Messico, l'heist movie d'autore diretto da Alfonso Ruizpalacios che ha conquistato l'Orso d'argento alla migliore sceneggiatura al Festival di Berlino 2018. La storia è infatti ispirata a eventi realmente accaduti: il clamoroso furto avvenuto il 24 dicembre 1985, quando due studenti trafugarono dal Museo Nazionale di Antropologia della capitale messicana un enorme numero di reperti archeologici maya, mixtechi e zapotechi. A interpretarli sono Gael  García Bernal e Leonardo Ortizgris, nei panni di due eterni studenti trentenni che decidono di compiere un atto estremo: una delle più famigerate rapina nella storia del loro Paese.  

Leggi tutto: MUSEO-FOLLE RAPINA A CITTÀ DEL MESSICO di Alonso Ruizpalacioz - La recensione

Lo Schiaccianoci

Trovare un adattamento convincente dello Schiaccianoci è impresa ardua, che forse trova ragione solo nel balletto di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Diversi sono stati i tentativi, su piccolo o grande schermo, ma nessuno che abbia veramente saputo ricreare l’atmosfera giusta, e, purtroppo anche Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni non fa eccezione.

Leggi tutto: LO SCHIACCIANOCI E I QUATTRO REGNI di Joe Johnston e Lasse Hallström - La recensione

mistero-casa-tempo

Se in Piccoli brividi 2 appare soltanto alla fine, Jack Black si conferma l'attore perfetto per il cinema fantasy per ragazzi con una parte ben più preponderante in Il mistero della casa del tempo, inedita incursione del re dello splatter Eli Roth tra i prodotti per famiglie. La pellicola, presentata in anteprima alla Festa del cinema di Roma, è tratta dal romanzo La pendola magica (1973) di John Bellairs e racconta la storia dell'orfanio decenne Lewis (Owen Vaccaro), adottato dallo zio Jonathan (Black) dopo la morte dei genitori. Una volta trasferitosi nella grande e inquietante casa dello stravagante parente, il bambino non tarderà a scoprire che sia lui che la vicina di casa Florence Zimmerman (Cate Blanchett) sono due potenti maghi, decisi a scoprire il mistero dietro il ticchettio di un orologio nascosto tra le mura della magione da un malvagio stregone (Kyle MacLachlan).

Leggi tutto: IL MISTERO DELLA CASA DEL TEMPO di Eli Roth - La recensione

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI OTTOBRE 2018

7-sconosciuti-el-royale

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di OTTOBRE 2018

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.