Interviste

IL CALENDARIO DI SETTEMBRE 2019

film-settembre

Dopo mesi estivi piuttosto fortunati, soprattutto grazie agli incassi de Il re leone, la stagione cinetografica entra nel vivo con i tantissimi film in uscita a settembre. Tra i più attesi, certamente Martin Eden con Luca Marinelli, il secondo capitolo di It, C'era una volta... a Hollywood di Quentin Tarantino e Ad Astra con Brad Pitt. Eccovi il calendario completo.

Leggi tutto...

conseguenza

La conseguenza è un romantico dramma di guerra, diretto da James Kent, che già aveva sperimentato la stessa identica formula nel 2014 con Generazione perduta. La sceneggiatura è tratta dal romanzo The Aftermath di Rhidian Brook, anche co-sceneggiatore. Il film è ambientato nella Germania del 1946. Ad Amburgo, tra le macerie del dopoguerra, si riuniscono un colonnello inglese (Jason Clarke) e la moglie (Keira Knightley). All’ufficiale vincitore, incaricato di sistemare i tumulti e risollevare le sorti della città, viene assegnata la lussuosa villa del vinto, un architetto vedovo (Alexander Skarsgård), che con la figlia adolescente si trasferisce umilmente in soffitta.

Da qui, dalle dinamiche tra vinti e vincitori, si sarebbero dovute innescare tutta una serie di “conseguenze” interessanti, che però, ahinoi, interessanti non sono. The Aaftermath significa “il dopo” (dopoguerra) o “la conseguenza” (dell’affair clandestino tra la moglie inglese e il bell'architetto tedesco). Se la coppia di fedifraghi (Knightley e Skarsgård) dimostra solo di avere il phisique du role, un dimesso Jason Clarke, con la sua interpretazione, apporta un filo di sfumature in più a questo drammone epico e sostanzialmente manicheo.

Lo spunto più interessante sarebbe dovuto essere l’approfondimento dell’ambivalenza tra le due parti opposte, entrambe devastate dai lutti e dagli orrori della guerra. Ma nulla, la storia non prende il volo e rimane schematicamente ancorata a una narrazione semplicistica, in un banale intreccio melodrammatico da feuilleton, però confezionato con cura e eleganza vecchio stile.

Voto: 2/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.