Stampa 

 captain-marvel

Il finale di Avengers: Infinity War ha lasciato pochi dubbi: Captain Marvel dovrà intervenire nella battaglia contro Thanos. Quindi, il Marvel Cinematic Universe si arricchisce con un nuovo personaggio, che va ad incastonarsi nel mosaico iniziato nel 2008 e che ora si appresta a narrare un nuovo capitolo. Prima di essere Captain Marvel, Carol Danvers (Brie Larson) faceva parte dell’esercito degli Stati Uniti, anche se i suoi ricordi sono ormai frammenti che lei stessa non sa più ricomporre, non riuscendo a distinguere tra realtà e sogno. L’addestramento con i Kree la aiuta a ricostruire il suo passato, trovando verità inaspettate.

Classico, classicissimo origin movie come tanti ne sono già stati fatti, ma che in questo caso si rende necessario in quanto trait-d’union nella guerra contro Thanos. Eppure è un capitolo che narra vicende decisamente precedenti al 2008: siamo infatti nel 1995 e la protagonista che precipita su un Blockbuster e avvia una comunicazione con un Game Boy rende chiare le intenzioni della produzione, ossia sfruttare l’onda della nostalgia, ma senza strafare, per fortuna. Si tratta del primo film Marvel con protagonista una donna, a dimostrazione di come la Marvel sia comunque calata nella contemporaneità, in un momento storico in cui l’emancipazione femminile trova un simbolo nella protagonista, pur cadendo nella trappola di una retorica eccessiva, tra inquadrature e sequenze in cui Carol – personaggio paradossalmente senza carisma – cade e si rialza, più volte.

La prima parte disastrosa per ritmo ed effetti visivi trova un parziale riscatto dal momento in cui Carol precipita sulla terra, incontrando Nick Fury e l’agente Coulson, dando vita quindi a una produzione che sembra un mix tra Men in Black, Star Wars e Buffy, concentrando in sé tutti i pregi e i difetti che un action movie anni ’90 portava con sé. A conti fatti, si tratta di un film anonimo, utile solamente per la completezza narrativa sull’Universo Marvel, dove non mancano alcune sequenze riuscite e i momenti divertenti, oltre ad alcune rivelazioni sul passato dei protagonisti dell’intera serie. Trascurabile per i non appassionati. Ora è giusto concentrarsi sull’ultimo capitolo (?), Avengers: Endgame, per cui le aspettative sono davvero alle stelle.

Voto: 2/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.