Double-Vies

Dopo il passaggio alla Mostra di Venezia, arriva in sala la curiosa commedia Il gioco delle coppie, ritorno dietro la macchiana da presa del regista francese Olivier Assayas e forte di un cast che conta alcuni dei migliori interpreti d'Oltralpe come Juliette Binoche, Guillaume Canet, Vincent Macaigne. L'esile trama lega diversi personaggi impegnati in relazioni e tradimenti reciproci (uno scrittore e la sua compagna portaborse di un politico, un editore e la moglie attrice), ma il fil rouge che anima le conversazioni di una pellicola interamente basata su dialoghi è una riflessione sulla crisi dell'editoria, sull'avanzata del mondo digitale e sulle sue relative ripercussioni sul pubblico.

Cineasta capace di calarsi con naturalezza nel realismo quotidiano, Assayas continua il suo percorso attraverso temi concreti della cultura contemporanea, dopo l'analisi del mondo cinematografico in Sils Maria e quella della perdita d'identità nell'era digitale in Personal Shopper. Se però le due precedenti pellicole erano contraddistinte da una enorme complessità narrativa e visiva e da un grande coraggio nel mescolare cinema d'autore e di genere (vedi il thriller soprannaturale affrontato in Personal Shopper), Il gioco delle coppie (poco originale titolo italiano di Doubles vies) rappresenta certamente un passo indietro, un'opera "minore" che sembra quasi un divertissement per uno dei registi più eclettici e significativi del panorama europeo.

Se i discorsi sui pregi e i difetti dei cambiamenti tecnologici si traducono in una sequela di dibattiti che - naturalmente - non trovano una risposta definitiva, l'aspetto più riuscito del film è la vena d'ironia che lo percorre nella sua interezza e che vede il regista francese giocare in modo beffardo e canzonatorio non solo sul mestiere di scrittore e sulle dinamiche di coppia (tra corna, ipocrisie, conclusioni o risoluzioni di rapporti che spesso rasentano il farsesco e il ridicolo), ma anche sul suo stesso mondo, ovvero la settima arte, tra giochetti metacinematografici e un'amabile "frecciatina" al collega Michael Haneke. Un film godibile in cui si ride e si sorride spesso, ma nulla di più. 

Voto: 2/4

 

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI DICEMBRE 2018

 roma

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di DICEMBRE 2018

Leggi tutto...

I 10 MIGLIORI FILM DEL 2018

filo-nascosto-classifica

E per chiudere l'anno: ecco la top 10 dei film del 2018, secondo la redazione di i-FilmsOnline. La classifica fa riferimento ai titoli usciti nelle sale italiane dal 1 gennaio al 31 dicembre dell'anno. Dato che la classifica è collettiva (frutto delle preferenze singole di ognuno di noi), in fondo si può trovare il film migliore e la delusione/il peggiore di ogni singolo votante. In attesa di vostri commenti un caro augurio a tutti i lettori di i-FilmsOnline per uno splendido 2019... soprattutto dal punto di vista cinematografico!

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.