Fire Squad Incubo di Fuoco

Il supervisore Eric Marsh (Josh Brolin), sposato con la moglie Amanda (Jennifer Connelly) è a capo della Squadra 7 di Prescott in Arizona, un gruppo specializzato di vigili del fuoco che ha il compito di proteggere i boschi e impedire gli avanzamenti dell'incendio. Oltre al capo Marsh, la squadra comprende il vice Jesse Steed (James Badge Dale), Chris MacKenzie (Taylor Kitsch), Andrew Ashcraf (Alex Russell) e Brendan McDonough (Miles Teller). Con l'aiuto dello sceriffo Duane (Jeff Bridges), la squadra riesce a essere certificata come Hotshot, il più alto grado per un corpo di vigili del fuoco e la squadra viene rinominata Granite Mountain, dimostrandosi eccellente nell'impedire incendi e salvare vite. Nel giugno 2013 durante un grosso incendio avvenuto nei pressi di Yarnell Hill in Arizona, 19 membri dei Granite Mountain persero la vita, e solo un membro della squadra riuscì a sopravvivere.

Tratto dal reportage/articolo No Exit del giornalista Sean Flynn e ispirato alla storia vera dei Granite Mountain Hotshots, una squadra di elite di vigili del fuoco che nel giugno 2013 durante l'incendio di Yarney Hill ad Arizona, perse 19 membri della squadra, nell'intento di domare le fiamme e fermare il divampare dell'incendio. Diretto dal regista di Joseph Kosinski (Tron: Legacy, Oblivion) e scritto da Ken Nolan e Eric Warren Singer, Fire Squad: Incubo di fuoco (Only the Brave il titolo originale)è uscito a ottobre 2017 nelle sale americane e comprende un importante cast corale composto da Josh Brolin, Jennifer Connelly, Taylor Kitsch, Miles Teller, Jeff Bridges e James Badge Dale.

Dopo il sequel del cult Tron e l'opera fantascientifica Oblivion, Joseph Kosinski dirige un dramma d'azione biografico ispirato a una storia vera, con tono epico e un'atmosfera da dramma triste e cinema da catastrofe naturale. Attraverso una sceneggiatura ferrea e una regia composta e precisa, Kosinski firma un'opera forte e malinconica, sfruttando una messa in scena senza fronzoli, potente e stilisticamente precisa.

Sorprendentemente Fire Squad: Incubo di fuoco ha dalla sua una notevole sintesi narrativa e di racconto che pare provenire dal miglior cinema americano di impostazione classica, uno sguardo cristallino sulle cose e sull'umanità che ricorda il cinema di un grande maestro come Eastwood, per limpidezza di stile e coesione tra regia e scrittura. Fire Squad: Incubo di fuoco è un grande, bellissimo racconto americano che riesce a parlare di cameratismo da war movie (la squadra 7 come un plotone dai legami fortissimi), di riscatto e seconda possibilità (guardare la semplicità non banale della parabola del personaggio di Miles Teller), di amicizia e di famiglia. Un film che narra soprattutto i valori fondanti degli Stati Uniti, un'opera straordinariamente Easwoodiana nel suo immaginario tutto Usa, un compendio tematico e di stile con l'atmosfera da western di frontiera nei paesaggi dell'Arizona.

Supportato da un gran cast che va dall'interpretazione paterna di Josh Brolin a quella irrequieta di Teller, Fire Squad: Incubo di fuoco è commovente e teso, regala una magistrale sequenza (tutta la parte finale per gestione del pathos) ed evita ogni tipo di retorica da memoriale, il film è funereo nella rappresentazione della morte improvvisa, nel racconto semplice (non celebrativo) del coraggio quotidiano e nell'avere lo sguardo giusto di guardare tristemente alla tragedia che diventa eroismo e un atto eroico che è diventato tragedia.

Voto:3/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.