Foxtrot

Difficile fare un film quando il tuo primo lungometraggio di finzione ha vinto il Leone d'Oro. Così, dal 2009 di Lebanon a oggi, il regista israeliano Samuel Maoz si è preso una lunga pausa (intervallata solo dal corto Manybuy e da un segmento di Venice 70: Future Reloaded) prima di tornare con Foxtrot, gioiellino vincitore del Gran premio della giuria alla Mostra di Venezia 2017. Film rigorosamente ripartito in tre atti che mescola tragedia e commedia surreale, dramma borghese e war movie, la pellicola è una potente riflessione sul presente e sul passato di Israele, sulle contraddizioni di una Nazione i cui abitanti devono fare i conti con traumi irrisolti che hanno segnato tre generazioni.

Con indubbia capacità tecnica, Maoz esibisce un percorso visivo che parte da un gruppo di famiglia in un interno, sconvolto dall'atroce notizia della morte del figlio, e prosegue spostandosi in uno sperduto avamposto militare, per poi tornare nell'abitazione della prima parte. Il dolore, l'elaborazione del lutto, il nonsense di una guerra infinita, un fato crudele che sembra prendersi gioco continuamente degli uomini: la carne al fuoco è tantissima, ma il regista 55enne (segnato in gioventù dal conflitto in Libano) orchestra una partitura in cui l'impianto formale e la potenza visiva svolgono un ruolo fondamentale, servendosi di registri stilistici differenti in ognuno dei tre atti e inserendo squarci di visionarietà che sfiorano vette di un altissimo cinema (lo splendido inserto animato, la scena del ballo che dà il titolo al film). Pur non sempre compatto, con una terza parte inferiore alle altre due (il segmento più riuscito è probabilmente il secondo), Foxtrot è un'opera vigorosa, originale, che emoziona e sorprende per il suo coraggio. In fondo, è la storia di un rapporto padre-figlio che nel film non si incontrano mai - ottima l'interpretazione di Lior Ashkenazi nel ruolo del padre, personaggio tutt'altro che gradevole - e sugli errori con cui ogni generazione deve fare i conti.

Voto: 3/4

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI AGOSTO 2018

MI-fallout

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di AGOSTO 2018

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.