sicario

Presentato al Festival di Cannes, Sicario di Denis Villenueve è un thriller ad alta tensione che in cui il regista canadese organizza al meglio la messa in scena dello script dirigendo in maniera credibile e convincente i suoi protagonisti (Benicio Del Toro, Emily Blunt e Josh Brolin) e allestendo con mano sicura ed esperta alcune sequenze davvero complicate ma dal forte impatto (in primis la scena dell’assalto nel traffico intenso). Sotto il punto di vista formale infatti, Sicario è un film inattaccabile e godibile. Il problema della pellicola risiede tuttavia nelle sue intenzioni.

Infatti viene da chiedersi cosa possa aggiungere un lavoro del genere a quanto già ampiamente detto altrove. Voler ancora parlare di quanto il potere con la P maiuscola sia subdolo, nascosto, impalpabile ma costantemente presente e, soprattutto, invincibile, è un rischio che varrebbe la pena di correre solo se si possiedono delle chiavi interpretative più originali e innovative. Non ci sono buoni né cattivi, ma solo personaggi in costante e precario equilibrio tra le due sfere. Nulla di più purtroppo. Villeneuve sicuramente non sbaglia nel ricostruire una cornice convincente, ma il suo film rimane nel limbo dei titoli che si dimenticano a distanza di pochissimo, nel limbo dei lavori che oggi come oggi sembrano privi di interesse.

Voto: 2/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.