Interviste

IL CALENDARIO DI NOVEMBRE 2019

calendario-novembre2019

Scorsese, Polanski, Allen: cosa chiedere di più a questo calendario delle uscite in sala di novembre? Un mese ricchissimo, che vede anche il ritorno di Ken Loach, di Frozen, l'arrivo della Palma d'Oro Parasite e di un atteso film d'animazione italiano come La famosa invasione degli orsi. Senza dimenticare che anche gli attori possono tirare fuori doti da regista, come dimostrano i casi di Edward Norton, Casey Affleck e Marco Bocci. Di seguito, tutte le uscite del mese.
Leggi tutto...

babadook-2

Vedova del marito morto in un incidente stradale, Amelia (Essie Davis) si deve occupare da sola di Samuel (Noah Wiseman), figlio problematico con pulsioni violente e il terrore del buio. Una sera, invece del consueto libro di favole, Amelia legge al figlioletto un misterioso libro trovato sullo scaffale: si tratta di Babadook, storia di un uomo nero che penetra lentamente nella casa (e poi nella mente) delle persone, fino a condizionarle e portandole a compiere gesti terribili. Chiaramente, è quanto accadrà ad Amelia e Samuel.

Presentato al Sundance Film Festival nel 2014, in concorso allo scorso Torino Film Festival e atteso con impazienza da molti cultori dell’horror (il nome del film circolava da tempo nella stampa di settore, quasi che si trattasse del titolo destinato a risollevare le sorti del genere), è un interessante quanto in parte deludente horror “d’autore”, tra incubo psicologico e favola simbolica. Se nella prima parte, infatti, il film dell’esordiente Jennifer Kent stupisce e colpisce per l’atmosfera quasi burtoniana, tra il dark e il camp, con piccole dosi d’ironia e una forte caratterizzazione grottesca dei personaggi principali e di contorno (perfetta la protagonista Davis, madre amorevole ma con l’espressione “da Xanax” a nascondere più d’un lato oscuro; ma anche il piccolo Wiseman è davvero inquietante nei suoi attacchi isterici), Babadook purtroppo si sfalda mana mano che la storia si tuffa nel paranormale.

Appesantito dall’imponente sovrastruttura simbolica che la Kent cerca in ogni modo di cucire addosso al film (il Babadook altro non sarebbe che il male che alberga dentro la protagonista da quando perse il marito e con cui essa non aveva, a torto, mai fatto i conti) e caratterizzato da una parte centrale in cui la sceneggiatura si incaglia, non facendo progredire il racconto per diverse decine di minuti (ad ulteriore dimostrazione della difficoltà di trasformare i cortometraggi in film lunghi), il film perde ogni verve nel finale, istituzionalizzandosi sul canone del più classico horror di possessione demoniaca. Forse danneggiato dalla troppa attesa che lo circondava, Babadook si conferma, in ogni caso una discreta opera prima, tuttavia di gran lunga inferiore al cortometraggio da cui è tratto (Monster, sempre di Jennifer Kent, rintracciabile su Vimeo).

Voto: 2/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.