Interviste

LE USCITE IN SALA DI APRILE 2019

avengers-endgame
 
Aprile è un mese davvero denso di uscite in sala: il film più atteso dalla nostra redazione è Avengers: Endgame, capitolo conclusivo della saga Marvel sui Vendicatori, ma al cinema escono anche l'acclamato horror Noi di Jordan Peele, il ritorno di Nadine Labaki con Cafarnao e il reboot Hellboy di Neil Marshall. Insomma, ce n'è per tutti i gusti! Eccovi l'elenco completo dei titoli:
Leggi tutto...

locandina pasoliniPresentato in concorso a Venezia 71 e destinato a suscitare polemiche infinite, sia per il regista che per l'oggetto filmico: Pasolini di Abel Ferrara racconta gli ultimi giorni di vita di uno dei personaggi più importanti e controversi del XX secolo. Scrittore, poeta, saggista, regista: Pier Paolo Pasolini ha dato un contributo fondamentale alla vita artistica e intellettuale di un paese sull'orlo del baratro (i cosiddetti anni di piombo), denunciandone le contraddizioni e l'immobilismo. Le difficoltà nell'affrontare la biografia (seppur nel senso non tradizionale) di una personalità così strutturata erano evidenti ma, certamente, nessuno poteva aspettarsi lo scempio che in effetti è stato realizzato.

Un pastiche linguistico (la recitazione si alterna tra italiano e inglese perché, secondo Abel Ferrara, "il personaggio è il fulcro e la lingua non ha importanza") eccessivo e fuorviante, che denota totale mancanza di coerenza nel delineare i fatti salienti che caratterizzarono la vita di Pasolini e nessun rispetto per la sua figura, solo un'inarrivabile e fastidiosa superbia. Evidente l'autoreferenzialità di Ferrara, impegnato a diffondere la sua versione della verità (assai discutibile) e a fotografare voli pindarici su un'immaginifica attività artistica pasoliniana (agghiacciante la sequenza in cui Ninetto Davoli e Riccardo Scamarcio arrivano a Sodoma, simbolico luogo di perdizione tra gay, lesbiche ed eiaculazioni metaforizzate da fuochi d'artificio).

Piatto, arrogante, a tratti demenziale: a salvarsi, in questo abominio (che indubbiamente disgusterebbe per primo lo stesso Pasolini), resta soltanto la performance di Willem Dafoe, misurato e cauto nell'affrontare un ruolo tutt'altro che facile. Sul resto del cast, meglio sorvolare.

Voto: 1/4

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI MARZO 2019

 gloria bell

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di MARZO 2019

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.