Jimmy P posterPer chi scrive, Arnauld Desplechin è l’autore di un bellissimo film come Racconto di Natale, anomalo, poderoso ritratto di una famiglia in sgretolamento da recuperare il prima possibile.

Per questo l’idea che potesse girare un film con quel geniaccio incompreso di Benicio Del Toro – uno che meriterebbe un ruolo dietro l’altro, e che invece viene oscurato da colleghi ben più incapaci – stuzzicava parecchio.

Peccato che poi chi scrive ha visto Jimmy P.; non ci sono troppi elementi da considerare . Il film è, semplicemente, quanto di più piatto, ordinario e sciattamente convenzionale si sia visto negli ultimi tempi. La storia, ispirata a un romanzo dell’etnopsichiatra ungaro-francese Georges Devereux, ruota attorno alle apparenti disfunzioni neurologiche di nativo americano reduce di guerra, affidato alla ricerca e alla cura di Devereux stesso.


E via di dialoghi infiniti, pratiche filo-oniriche, orsi, indiani, letti d’ospedale, lavagne, teorie e ancora dialoghi. Per quasi due ore scorre un insostenibile bigino di pensieri, parole, riflessioni sterili né omogenee né, in alternativa, confusamente sostenibili. Il film abbandona ogni velleità dall’arrivo in ospedale del protagonista (cui Del Toro dedica il mestiere, sebbene appaia svogliato, e no, non è una chiave per comprendere il personaggio): una desolante piattezza si abbatte sull’esito finale, una trascuratezza che vorrebbe farsi indagine stilistica ma che in fondo è solo irrimediabile tedio, nemmeno in grado di sviluppare ragionamenti interessanti sul rapporto tra i due protagonisti. Se si aggiunge un Mathieu Amalric francamente ridicolo e macchiettistico– e ci dispiace, ma l’accento francese ipercaricato non lo facevano nemmeno al Bagaglino – e una sceneggiatura coerente nella sua integrale inutilità, termine che al cinema non si dovrebbe utilizzare mai - il gioco è fatto. Fosse stato solo brutto, avrebbe anche potuto fare la sua figura; così, invece, si rischia solo di far sprecare tempo. E di questi tempi non conviene a nessuno.

 

Voto: 1/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.