Roman Polanski, intervistato dall’amico e produttore Andrew Braunsberg, concede un documentario sulla sua vita. L’opera è realizzata nella casa del regista a Zurigo, mentre si trova agli arresti domiciliari, dopo il clamoroso “fermo” al Festival del cinema, dove si era recato per ritirare il premio alla carriera.

Si parte dal periodo dell' infanzia, nel ghetto di Varsavia, con il primo grande dolore di Roman: la morte della madre ad Auschwitz. Mentre ci racconta il terribile incubo della persecuzione e la morte della madre, scorrono le immagini de Il pianista. Si scopre così che molte sequenze del film riprendono fatti personali realmente accaduti. E proprio queste strazianti memorie suscitano in lui una commozione intensa e struggente. Non stupisce, perciò, il fatto che tra tutti i suoi film, se dovesse scegliere, Il pianista è quello a cui è più legato e per cui vorrebbe essere ricordato.

 

 

 

Dopo il periodo della guerra, le domande di Andrew si focalizzano sull'inizio della sua carriera con il grande successo de Il coltello nell'acqua che gli ha dato notorietà in Europa e in America.

Ma il cinema passa, poi, in secondo piano e il nucleo delle domande si concentra sugli episodi di vita privata che lo hanno reso famoso, per certi versi, più del suo grande cinema: la strage di Manson, l'accusa di stupro e l'arresto fino ad arrivare all'incontro con Emmanuelle Seigner che ha portato luce e serenità nella sua tormentata vita.

La vita di quest' uomo è talmente piena di drammi e di colpi da assomigliare ad un film e il suo vissuto offre una perfetta chiave di lettura del suo cinema. A Film Memoir scorre veloce tra immagini inedite, documenti d'archivio, filmati e foto private, e la famigliarità con il suo intervistatore permette di lasciarsi trasportare dai suoi racconti, regalandoci dettagli e nuovi incredibili aneddoti.

Dubito che chi gli sia sempre andato contro si ricrederà dopo questo documentario, ma poco importa. Laurent Bouzereau ci offre un ritratto sincero e commovente, intimo e personale, sulle gioie e i dolori che hanno attraversato la sconvolgente e straordinaria vita di questo grande artista.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.