Interviste

IL CALENDARIO DI SETTEMBRE 2019

film-settembre

Dopo mesi estivi piuttosto fortunati, soprattutto grazie agli incassi de Il re leone, la stagione cinetografica entra nel vivo con i tantissimi film in uscita a settembre. Tra i più attesi, certamente Martin Eden con Luca Marinelli, il secondo capitolo di It, C'era una volta... a Hollywood di Quentin Tarantino e Ad Astra con Brad Pitt. Eccovi il calendario completo.

Leggi tutto...

Il tocco del peccatoVincitore del premio per la miglior sceneggiatura all’ultimo Festival di Cannes e rimasto in gara fino all’ultimo momento per la conquista della Palma d’oro, arriva in Italia Il Tocco del Peccato, l’ultimo film del giovane e apprezzato regista cinese Jia Zhangke, già Leone d’oro a Venezia nel 2006 con Still Life.

Ispirato a quattro episodi di cronaca molto famosi in Cina, il film è diviso in quattro segmenti di 30 minuti ciascuno, ambientati in quattro regioni diverse del paese: il primo, ambientato nello Shanxi, racconta di un operaio di una fabbrica che cerca, invano, di denunciare la corruzione dei suoi superiori; il secondo vede un ragazzo, armato di pistola, tornare dove è nato, in un centro rurale del Sud-Ovest; il terzo, ambientato in una cittadina della Cina centrale, parla di una giovane donna che, dopo una delusione amorosa, viene aggredita da dei clienti della sauna in cui lavora; nel quarto, infine, un ragazzino della città di Dongguan cambia diversi lavori, fino a quando diventa cameriere in un bordello mascherato da hotel. Tutte e quattro le vicende termineranno con una morte violenta.

Jia Zhangke si allontana dalle atmosfere rarefatte e più squisitamente autoriali di The World e Still Life virando verso ritmi più “action” che, tuttavia, non fanno perdere forza artistica al suo cinema ma, anzi, forse ne rendono ancora più evidenti le potenzialità e le ambizioni. Tra lampi grotteschi e realismo, il film integra elementi della tradizione wuxia pian ( gli stacchi della m.d.p. sulle armi e sul sangue; i protagonisti che lottano, individualmente, contro una realtà sociale oppressiva) nel contesto della Cina contemporanea del boom economico, dando vita ad un’atmosfera unica, allo stesso tempo spiazzante e coinvolgente. Le quattro storie che portano irrimediabilmente ad un’esplosione di violenza si fanno così simbolo di una società che, nel passare frettolosamente dal collettivismo all’individualismo, è adesso regolata interamente dalla legge della sopraffazione reciproca e che, nonostante la furiosa crescita economica e il ribollire al suo interno di opportunità di lavoro, stritola i propri abitanti, costringendoli a commettere irrazionali atti di violenza.

Nonostante un leggero calo di tensione nei secondi due episodi e una leggera freddezza di fondo, Il Tocco del Peccato è un’opera capitale della scena cinematografica cinese contemporanea, un film da guardare per cercare di capire un paese di cui si parla molto ma della cui società si sa molto poco.

 

Voto: 3,5/4

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.