Trieste Science+Fiction Festival 2020

Blackout

Arriva al Trieste Science + Fiction Festival il film che in Russia ha avuto un grandissimo successo ed è già stato venduto in 90 paesi: The Blackout di Egor Baranov. Come spesso accade, la rivalità fra Paesi diversi investe i mezzi più disparati, il cinema non ne è estraneo e infatti questa pellicola vuole sfidare i tanti blockbuster di Hollywood in cui uno sparuto gruppo di uomini prova a fronteggiare l’estinzione della razza umana.

Leggi tutto: Trieste Science+Fiction Festival: THE BLACKOUT, la recensione

Jumbo

Jeanne (Noémie Merlant, vista in Ritratto della giovane in fiamme) è una giovane timida e introversa, tanto schiacciata dal confronto con una madre disinibita quanto incapace di rapportarsi alle altre persone. Una sera, dopo aver iniziato un lavoro come custode notturna in un luna park, comincia a provare attrazione fisica e addirittura sentimenti d'amore per una delle giostre. È la bizzarra trama di Jumbo, presentato al Trieste Science+Fiction Festival e "ispirato a una storia vera".

Leggi tutto: Trieste Science+Fiction Festival: JUMBO, la recensione

trieste-sci-fi-fest-2020

Sono stati annunciati i vincitori della 20° edizione del Trieste Science+Fiction Festival, che a sorpresa prosegue con una giornata in più. Il 4 novembre, sempre su Mymovies, si aggiungono i seguenti titoli: l'horrorPeninsula di Yeon Sang-ho, sequel di Train to Busan, il thriller fantascientifico Meanderdi Mathieu Turi, l'horror-sci-fi russo Sputnik di Egor Abramenko, il thriller sci-fi Come True di Anthony Scott Burns e il documentario Spaceship Earth di Matt Wolf. Di seguito, i premiati

Leggi tutto: I vincitori di Trieste Science+Fiction Festival 2020

come-in-cielo

Francesco Erba presenta al Trieste Science + Fiction Festival il suo primo lungometraggio: Come in Cielo, così in Terra. La pellicola, per essere la sua prima fatica, è davvero molto promettente: come riferisce lo stesso regista, è il frutto di 5 anni di lavoro e la cura, attenzione e il rigore in questo thriller sono evidenti. 

Leggi tutto: Trieste Science+Fiction Festival: COME IN CIELO COSÌ IN TERRA, la recensione

Coma

Nikita Argunov, dopo anni di gavetta nel mondo degli effetti speciali al servizio di pellicole come Guardians, il risveglio dei guardiani e Titanium, si presenta con il suo primo lungometraggio al Trieste Science+Fiction Festival: Coma. Siamo da subito catapultati in un altro mondo seguendo le vicende di un giovane uomo, un architetto, che insieme a uno sparuto gruppo di individui prova a sopravvivere nello spazio oltre il coma nel quale i ricordi degli abitanti si mischiano insieme, ma dove altre creature sono in agguanto.

Leggi tutto: Trieste Science+Fiction Festival: la recensione di COMA

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.