high-life

Complesso raccontare qualcosa di vagamente sensato dopo appena una proiezione di High Life, uno dei film più belli e complessi firmati da Claire  Denis che astrae il suo sguardo alla massima potenza regalando un’esperienza cinematografica d’altri tempi. La navicella sperduta nello spazio profondo è sicuramente metafora di tante cose: della vita, della morte, della vita dopo la morte. I suoi abitanti siamo tutti noi, con le nostre paure, insicurezze e allucinazioni.

Eppure è il cinema il primo grande protagonista di questo incubo fantascientifico messo in scena con un gioco di luci e suoni da far accapponare la pelle. C’è tutto e forse di più, un valzer funebre infinito destinato a scolpire la storia del genere e ad abbracciare tutti gli spettatori più pazienti che avranno il coraggio di arrivare sino in fondo alla proiezione. Le immagini indelebili non si contano, vengono stampate nella memoria collettiva e con fatica saranno rimosse dagli occhi e dalla mente di chi guarda. Con Juliette  Binoche e Robert Pattinson, è stato presentato nella sezione After Hours del Torino Film Festival 2018.

Voto: 3,5/4

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI OTTOBRE 2018

7-sconosciuti-el-royale

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di OTTOBRE 2018

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.