Interviste

IL CALENDARIO DI SETTEMBRE 2019

film-settembre

Dopo mesi estivi piuttosto fortunati, soprattutto grazie agli incassi de Il re leone, la stagione cinetografica entra nel vivo con i tantissimi film in uscita a settembre. Tra i più attesi, certamente Martin Eden con Luca Marinelli, il secondo capitolo di It, C'era una volta... a Hollywood di Quentin Tarantino e Ad Astra con Brad Pitt. Eccovi il calendario completo.

Leggi tutto...

Mostra di Venezia 2012

bad 25Esattamente nel giorno in cui ricorre il venticinquesimo anniversario dall’uscita dell’album Bad, Spike Lee presenta fuori concorso alla 69^ Mostra del cinema di Venezia la sua ultima fatica Bad 25, un documentario affettuosamente sentito che rende omaggio agli esordi della straordinaria carriera di Michael Jackson, amico stimato ed ammirato prima ancora che popstar internazionale entrata di diritto nell’immaginario collettivo.

 

 

 

Leggi tutto: BAD 25 di Spike Lee (2012)

i cancelli del cielo“Essere tristemente famoso non è divertente”. La frase pronunciata dal regista Michael Cimino ieri, durante la premiazione che ha preceduto la proiezione del suo film I cancelli del cielo, è decisamente significativa. L’opera ha inaugurato una nuova sezione del Festival veneziano 2012, “Venezia Classici”, ed è stata riproposta in versione originale (216’) e restaurata digitalmente dopo essere stata massacrata e resa quasi incomprensibile alla sua uscita, nel 1980.

 

 

 

Leggi tutto: HEAVEN'S GATE (I CANCELLI DEL CIELO) di Michael Cimino (1980)

Enzo-Avitabile-Music-Life-poster-250x357Salvamm ‘o munno è un brano di Enzo Avitabile, uno tra i più noti sassofonisti e cantautori napoletani. Salvamm ‘o munno è il brano che ha cambiato la vita di Jonathan Demme.O almeno, così ha dichiarato il regista de Il silenzio degli innocenti e di Philadelphia.

Sta di fatto che da quel brano è venuta l’idea a Demme di realizzare Enzo Avitabile Music Life, ultimo di una lunga serie di documentari dedicati dal regista a figure di spicco della scena musicale internazione: tra questi ricordiamo in particolare i Talking Heads, che hanno accompagnato il suo esordio nel genere Stop Making Sense del 1984, o Neil Young a cui ha dedicato addirittura tre titoli.

 

 

 

Leggi tutto: ENZO AVITABILE MUSIC LIFE di Jonathan Demme (2012)

TheIceman-PosterÈ difficile sbagliare un film quando si hanno una storia vera che ha dell’incredibile e un interprete come Michael Shannon tra le mani. E infatti The Iceman non è un film sbagliato, almeno non del tutto: ma non è neanche del tutto riuscito.

La storia vera è quella del mastodontico killer Richard Kuklinski, di origine polacca, a metà strada tra la figura di un arrampicatore della malavita e quella di uno psicopatico totale, che, dopo il suo arresto avvenuto nel 1986 si vantò di aver ucciso più di cento uomini. La sua glacialità leggendaria e il suo vezzo di conservare i cadaveri in celle frigorifere per impedire che ne fosse constatata l’ora del decesso, gli valsero il soprannome di The Iceman, l’uomo di ghiaccio, che dà il titolo alla pellicola. Micheal Shannon ha sicuramente il physique du role per interpretare una minaccia incarnata, divisa tra raptus di follia schizoide e imperturbabilità, nonché tra vita da mafioso e ruolo di affettuoso padre e marito.

 

 

 

Leggi tutto: THE ICEMAN di Ariel Vromen (2012)

paradies glaubeSecondo capitolo di una trilogia iniziata con Paradise: Love, in cui una tematica bassa come il turismo sessuale incrocia un discorso ben più elevato sulla labilità della fede religiosa, Paradise: Faith è il titolo con cui il regista Ulrich Seidl si presenta in concorso alla 69° Mostra del cinema di Venezia.

Mio Signore, molti sono ossessionati dal sesso, liberali da questo desiderio carnale”. E’ la preghiera che la protagonista Anna Maria sussurra in apertura, prima di flagellarsi in segno di espiazione dei peccati di tutti coloro che cedono alle tentazioni del Male, lei compresa. Sì, perché nei confronti di Gesù ad una venerazione spirituale ed eterea accompagna un desiderio sessuale reso ancora più morboso da una costante repressione, che viene meno soltanto nella discussa (e discutibile) scena dell’amplesso simulato con un crocefisso.

 

 

 

 

Leggi tutto: PARADIES: GLAUBE (PARADISE: FAITH) di Ulrich Seidl (2012)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.