Interviste

IL CALENDARIO DI NOVEMBRE 2019

calendario-novembre2019

Scorsese, Polanski, Allen: cosa chiedere di più a questo calendario delle uscite in sala di novembre? Un mese ricchissimo, che vede anche il ritorno di Ken Loach, di Frozen, l'arrivo della Palma d'Oro Parasite e di un atteso film d'animazione italiano come La famosa invasione degli orsi. Senza dimenticare che anche gli attori possono tirare fuori doti da regista, come dimostrano i casi di Edward Norton, Casey Affleck e Marco Bocci. Di seguito, tutte le uscite del mese.
Leggi tutto...

paradies glaubeSecondo capitolo di una trilogia iniziata con Paradise: Love, in cui una tematica bassa come il turismo sessuale incrocia un discorso ben più elevato sulla labilità della fede religiosa, Paradise: Faith è il titolo con cui il regista Ulrich Seidl si presenta in concorso alla 69° Mostra del cinema di Venezia.

Mio Signore, molti sono ossessionati dal sesso, liberali da questo desiderio carnale”. E’ la preghiera che la protagonista Anna Maria sussurra in apertura, prima di flagellarsi in segno di espiazione dei peccati di tutti coloro che cedono alle tentazioni del Male, lei compresa. Sì, perché nei confronti di Gesù ad una venerazione spirituale ed eterea accompagna un desiderio sessuale reso ancora più morboso da una costante repressione, che viene meno soltanto nella discussa (e discutibile) scena dell’amplesso simulato con un crocefisso.

 

 

 

 

{jcomments on}

Già vincitore al Lido del Gran premio della giuria nel 2001 per la sua opera di maggior successo di critica e di pubblico Canicola, il cineasta austriaco Seidl, da sempre amante di un cinema di taglio documentaristico, non tradisce la propria cifra stilistica nemmeno in questa sua ultima pellicola di finzione: allo stile asciutto e rigoroso perfettamente si accompagnano le geometrie studiate a tavolino delle inquadrature, racchiuse in lunghi piani-sequenza spesso a camera fissa.

Il fanatismo religioso è sottolineato da una presenza ossessiva di croci, di immagini sacre e di elementi tipici dell’iconografia cristiana nei luoghi in cui si svolge l’azione. Le buone premesse, seppur sul filo di una facile provocazione, vengono affossate da uno svolgimento incerto, in cui la materia trattata scivola spesso nel grottesco, se non addirittura nel caricaturale. Privo di un vero e proprio sviluppo narrativo, il film, dopo la prima mezz’ora, gira a vuoto, diventando stancamente ripetitivo.

Molti registi sono ossessionati dal creare un’aura di scandalo attorno ai propri film: Ulrich Seidl sembra proprio uno di questi. Amen.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.