Serie tv

 

3percent

“Ciascuno di voi crea il proprio merito. Qualsiasi cosa succeda, lo meritate”.

Questa è una delle prime frasi che sentiamo all’inizio dell’episodio pilota di 3%, serie originale Netflix rilasciata il 25 Novembre, lo stesso giorno in cui è uscito il revival di Gilmore Girls. Con una concorrenza del genere c’era da aspettarsi che la serie brasiliana passasse in sordina, seppellita dai mille commenti su uno dei ritorni più attesi dell’anno. Però, nonostante questo inizio un po’ infausto, la serie è stata nella lista dei titoli più guardati della piattaforma digitale per settimane, portando all’annuncio del rinnovo per una seconda stagione già il 7 dicembre, poco più di 10 giorni dall’uscita internazionale. 3% racconta di una realtà distopica in cui la povertà è ormai la condizione standard per tutta la popolazione. L’unica possibilità per emergere dallo squallore e cambiare vita arriva alla soglia dei 20 anni, momento in cui tutti i ragazzi vengono sottoposti a un Processo, fatto di prove e tranelli di vario tipo, che aprirà le porte dell’Offshore a coloro che verranno ritenuti idonei. Essi andranno così  ad aggiungersi a chi ha passato il Processo prima di loro, formando una società di privilegiati, il 3% selezionato artificialmente per portare avanti il progresso e la civiltà. Tra la popolazione scartata però il malcontento è alto e viene canalizzato in un’organizzazione clandestina, chiamata la Causa, intenzionata a far cadere il sistema sociale con ogni mezzo.

Leggi tutto: 3%, la recensione della prima stagione

The Reptile Room 2ù

Disponibile su Netflix

Nei nuovi episodi di Una serie di sfortunati eventi, non c’è pace per i piccoli frateli Baudelaire che, dopo essere riusciti a sfuggire alle grinfie del perfido Conte Olaf (Neil Patrick Harris), vengono portati dal loro zio Montgomery Montgomery (Aasif Mandvi), un grande esperto di serpenti che, nella sua abitazione, tiene una stanza con diverse specie di rettili. Naturalmente, la quiete non durerà per molto...

Leggi tutto: UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI Stagione 1 ep. 3-4 "La stanza delle serpi"

Sherlock The Final Problem

Scegliere The Final Problem come titolo dell’ultimo episodio della quarta stagione è significativo: evidente il richiamo a quello che doveva essere l’ultimo romanzo di Arthur Conan Doyle con protagonista Sherlock Holmes, quello in cui appariva l’acerrimo nemico dell’investigatore, il professor Moriarty. The Lying Detective aveva lasciato il pubblico con il fiato sospeso: cosa accadrà ora?

Leggi tutto: SHERLOCK Stagione 4 ep. 3 - The Final Problem

series-of-unfortunate-events

13 romanzi, ognuno di 13 capitoli, poteva forse lasciarsi sfuggire venerdì 13 come data di lancio? Si parla naturalmente di Una serie di sfortunati eventi che, dopo diversi mesi di attesa spasmodica da parte degli appassionati della serie letteraria, permette a Netflix di lancia finalmente una produzione mirata ad un pubblico più giovane, senza trascurare la qualità ammirata nelle opere più crude, cupe e adulte ammirate fin’ora. Una serie di sfortunati eventi, che ha visto per la prima volta la luce nelle librerie nel 1999, arriva sul piccolo schermo dopo la deludente trasposizione cinematografica che vedeva Jim Carrey nei panni del Conte Olaf, con aspettative molto alte e, per ora, per nulla disattese: 8 episodi, 4 coppie che coprono gli eventi narrati nei primi 4 romanzi della serie, una scelta che porta ragionevolmente a credere che non ci si fermerà alla prima stagione. Per fortuna, verrebbe da dire, per quanto visto sin’ora.

Leggi tutto: UNA SERIE DI SFORTUNATI EVENTI Stagione 1 ep. 1-2 "Un infausto inizio"

Sherlock The Lying Detective

E ora, come si può resistere fino a lunedì prossimo? Il secondo episodio della quarta stagione di Sherlock, The Lying Detective, porta con sé tanti interrogativi, elevato tasso di curiosità, il tutto solo dopo aver metabolizzato lo shock.

Leggi tutto: SHERLOCK Stagione 4 ep. 2 - The Lying Detective

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.