Speciale Berlinale

berlinale2019

Interviste

LE USCITE IN SALA DI FEBBRAIO 2019

mule 

Come ogni mese, eccovi il calendario completo delle uscite in sala di FEBBRAIO 2019. Dal ritorno di Clint Eastwood ai nuovi film di Lazlo Nemes, Jason Reitman e Robert Rodriguez, ce n'è davvero per tutti i gusti (in attesa degli Oscar). Buona visione!

Leggi tutto...

deep-state

Nell'oscura battaglia che si combatte ogni giorno tra i servizi di intelligence, chi sono veramente i buoni e i cattivi? È la domanda che, lontano da retoriche e cliché, pone allo spettatore la serie tv britannica Deep State, prima produzione europea dei canali Fox (trasmessa su Sky) e prodotto decisamente interessante del genere spy story. Il protagonista, interpretato da un granitico Mark Strong, è Max Easton, ex agente dell'MI6 ritiratosi a vita privata (dopo aver compiuto missioni non proprio edificanti), ma richiamato in attività per vendicare il figlio Harry (Joe Dempsie), anche lui 007, ucciso durante un'operazione in Iran. Si troverà a indagare su un torbido complotto che fa capo alla Cia, mentre la seconda moglie Anna (Lyne Renée) e le loro figlie verranno perseguitate dagli stessi servizi segreti.

Con un facilmente immaginabile twist narrativo che ribalta le premesse dell'episodio pilota, Deep State si dispiega come un intelligente action che scopre a poco a poco le carte di uno scenario fantapolitico degno di un film di spionaggio anni '70, ma probabilmente più realistico e attuale di quanto non vorremmo credere. Tra Londra, Teheran, Beirut, la Francia e Washington, vediamo abili agenti occidentali compiere assassinii con lucida freddezza, supposti tutori della democrazia dare la caccia a innocenti cittadini, faccendieri e dirigenti dell'intelligence muovere la scacchiera mediorientale per scopi ben lontani dal perseguimento della pace. Se gli unici davvero innocenti sono coloro che stanno fuori da questo complesso gioco di spie, e ne sono vittime, tutti gli altri - protagonisti compresi - sono accomunati dalla medesima amoralità. 

Tesa e avvincente, la serie creata da Simon Maxwell e Matthew Parkhill (già rinnovata per una seconda stagione) ha il pregio di respingere gli stereotipi culturali dominanti (gli anglosassoni buoni, i musulmani/iraniani cattivi) in un complesso intrigo che è anche riflessione sulle dinamiche politiche contemporanee. E pazienza se nel raccontare dei rapporti umani e famigliari Deep State resta più superficiale e meno convincente. Ottimo tutto il cast, con uno Strong perfettamente calato nei panni dell'agente spietato e due volti femminili da tenere d'occhio: Karima McAdams, interprete della tostissima agente Leyla, e Anastasia Griffith, la glaciale villain Amanda Jones.

Voto: 2,5/4

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI GENNAIO 2019

 suspiria

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di GENNAIO 2019

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.