Stampa 
Netflix   Una Serie di Sfortunati Eventi   Lemony Snicket   Neil Patrick Harris   Aasif Mandvi  

The Reptile Room 2ù

Disponibile su Netflix

Nei nuovi episodi di Una serie di sfortunati eventi, non c’è pace per i piccoli frateli Baudelaire che, dopo essere riusciti a sfuggire alle grinfie del perfido Conte Olaf (Neil Patrick Harris), vengono portati dal loro zio Montgomery Montgomery (Aasif Mandvi), un grande esperto di serpenti che, nella sua abitazione, tiene una stanza con diverse specie di rettili. Naturalmente, la quiete non durerà per molto...

uncle-monty-and-stefano-a-series-of-unfortunate-events-credit-netflix

Se nei primi due episodi era evidente l’omaggio che Barry Sonnenfeld ha voluto rendere a Wes Anderson e Tim Burton, gli episodi che riguardano il secondo capitolo della serie – La stanza delle serpi – riguardano in maniera più specifica il regista di Burbank (difficile non pensare alle sculture di Edward mani di forbice guardando ai serpenti scolpiti nelle siepi del giardino dello zio Montogomery) oltre a diversi richiami verso l’espressionismo tedesco, con il cinema Murnau come elemento più evidente. Da questi dettagli passa la qualità della serie che, dichiaratamente per ragazzi – come del resto lo erano i libri – non disdegna comunque di immergersi in atmosfere gotiche e che possono quasi spaventare un pubblico di piccini. Naturale che qualcosa si perda rispetto al romanzo – chi lo ha letto non ha pensato che dietro allo zio si nascondesse il Conte Olaf? Sul piccolo (e sul grande) schermo il dubbio non può sorgere – ma  il prodotto rimane piacevole e godibile, riuscendo a divertire e intrattenere, pur nella sua malinconica atmosfera di fondo, con Neil Patrick Harris sempre più convincente. Gli effetti visivi e la fotografia sono buoni, ma qualcosa di meglio avrebbe potuto essere fatto, anche se, va detto, l’aura e la luce fiabesca rimangono, ed è questo ciò che conta davvero. L’idea di cambiare la sigla e adattarla agli episodi sorprende ed è un gran punto a favore di un prodotto che, per non adagiarsi a mera riproduzione di quanto narrato nei romanzi di Lemony Snicket, deve inventarsi soluzioni sempre nuove e accattivanti, spesso riuscendoci.

The Reptile Room 3

 

Rimane comunque qualche perplessità sulle differenze rispetto al libro, una linea narrativa che lascia comunque incuriositi per comprendere in quale direzione si muoverà la trama. 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.