News

Una notizia per le nostre lettrici. Vi segnaliamo il concorso di critica cinematografica Genere: Femminile. Quando le donne criticano il cinema, rivolto a critiche e aspiranti tali dai 18 anni in su. Di seguito trovate il bando del concorso e tutte le istruzioni per parteciparvi.

In bocca al lupo!

Leggi tutto: Concorso di critica cinematografica GENERE:FEMMINILE. QUANDO LE DONNE CRITICANO IL CINEMA

5 Broken Cameras Movie Poster LargeIl regista palestinese Emad Burnat, candidato all'Oscar con il documentario 5 broken cameras, non ha ricevuto un grande benvenuto negli Stati Uniti.

Ieri notte è stato fermato con la famiglia (la moglie e il figlio di otto anni) all'aeroporto di Los Angeles. Ore di attesa e di domande da parte della polizia e dei funzionari dell'immigrazione: Burnat non avrebbe avuto un invito idoneo a partecipare alla cerimonia cinematografica americana. Eppure è candidato.

Minacciato di rimpatrio immediato, Burnat ha contattato il regista americano Michael Moore che si è subito attivato per venirgli in soccorso: l'autore di Bowling a Columbine ha subito chiamato gli organizzatori della cerimonia di premiazione degli Oscar che hanno confermato l'invito di Burnat. Il regista palestinese è stato rilasciato questa mattina.

Burnat ha commentato: "Non è nulla. Ci sono abituato. Quando vivi sotto occupazione, senza nessun diritto, questa è la quotidianità". 5 broken cameras è il primo film palestinese ad essere candidato al premio Oscar. Il documentario racconta, attraverso le cinque telecamere di Burnat distrutte dai soldati israeliani, la resistenza popolare nonviolenta del villaggio palestinese di Bi'lin. 


{jcomments on}

Articolo già pubblicato su Ilsole24Ore.

 

golden-globe-awards-nominees-433x330Una notte piena di sorprese: ai Golden Globe sono state smentite tutte le previsioni della vigilia, con il grande favorito Lincoln di Steven Spielberg che si è dovuto accontentare del premio a Daniel Day-Lewis per il migliore attore drammatico.

Nella stessa categoria, ribaltando i pronostici, ha trionfato Argo che si è aggiudicato le due statuette principali: miglior film e miglior regia.
Dopo aver ottenuto gli stessi riconoscimenti ai Critics Choice Movie Awards, Argo, incentrato sulla liberazione di un gruppo di ostaggi americani nella Teheran del 1979, si prepara così a dire la sua alla notte degli Oscar del 24 febbraio.

Leggi tutto: Ai Golden Globe trionfano «Argo» di Ben Affleck e «Les Misérables» di Tom Hooper

320633 449065181808306 744226487 nAllo Spazio Oberdan di Milano, in programma da lunedì 21 gennaio, alle ore 18.00, un interessantissimo ciclo di conferenze sul mondo del cinema, presentato così:

"Come scorre il tempo sul grande schermo? Da questa domanda (e da tante altre) prenderanno avvio i cinque incontri sul cinema previsti all’interno del ciclo Linguaggi del Tempo, organizzato da Italia Nostra.
In programma allo Spazio Oberdan dal 21 gennaio al 18 marzo, le conferenze daranno voce a diverse figure importanti dell’universo cinematografico (dal critico Gianni Canova alla regista Alina Marazzi) che guideranno gli spettatori attraverso un viaggio in cinque tappe, accompagnato da spezzoni e immagini di scena, ricco di stimoli e suggestioni per approfondire quella che è stata spesso definita l’arte del Novecento. Dal fascino intramontabile del piano-sequenza al ruolo della musica nel cinema, dalla narrazione di storie ai giochi temporali di Andy Warhol, fino alle icone che rendono la pellicola immortale, al di là di ogni limite cronologico
"

 

Leggi tutto: Ciclo di conferenze sul cinema allo Spazio Oberdan di Milano

La campagna di finanziamento popolare per la realizzazione del film che il regista Mario Zanot vuole trarre dal libro di Tiziano Terzani Un indovino mi disse, partita il 21 dicembre, viaggia al ritmo di circa mille euro al giorno. L'obiettivo ė di raccoglierne 500.000 entro l'inizio delle riprese, previsto per l'ottobre del 2013.

Tra i primi testimonial del comitato per la raccolta fondi, personaggi del giornalismo, della cultura, dello spettacolo tra cui Silver, il papà del fumetto Lupo Alberto, Angela Terzani Staude, scrittrice e moglie del giornalista, Franz Di Cioccio, musicista della Premiata Forneria Marconi, Raffaele Palumbo, giornalista di Controradio di Firenze, l'attore Valerio Mastandrea, con ogni probabilità il protagonista del film, ed Ettore Mo, il grande corrispondente del Corriere della Sera.

L'idea di fare un film dal libro più noto del giornalista fiorentino era nata nel 2004, durante le riprese di Anam il senzanome, l'ultima intervista a Tiziano Terzani. Da allora Mario Zanot ne ha scritto la sceneggiatura e il progetto ha trovato produttori in Germania e Svizzera, ma non ancora in Italia. Di qui l’idea del finanziamento popolare.

Lo spunto di partenza del film, che verrà girato interamente nelle locations originali asiatiche, è il seguente: nel 1976, un indovino di Hong Kong avvertì Terzani: “attento, nel 1993 corri un gran rischio di morire. In quell’anno non volare, non volare mai!” Terzani, corrispondente di guerra in crisi umana e professionale, non dimenticò la profezia e la trasformò in un’occasione per guardare il mondo con occhi nuovi. Non prese aerei per un anno, senza rinunciare però al suo lavoro di giornalista. Ne nacque un viaggio nell’anima dell’Asia dal quale Terzani uscì profondamente cambiato.

In un video, visibile tra alcuni giorni all’indirizzo web http://www.unindovinocidisse.it/dicono-del-film/le-interviste.html, il giornalista Ettore Mo rievoca il curioso primo incontro con il collega e amico fiorentino avvenuto a Delhi. Entrambi si erano recati in India per intervistare Madre Teresa di Calcutta. Ma la suora chiese loro di pulire il pavimento del lebbrosario. “Così a Calcutta scoprii che Tiziano Terzani aveva lavato i pavimenti prima di me. Tiziano è stato un grande giornalista, un grande  inviato paragonabile a Hemingway, che ha capito  e amato l’Asia. Aveva una  sua malinconia,  e non avrebbe  mai scritto nulla, senza  prima averla  verificata sul campo ”, racconta Mo.

{jcomments on}

Leggi tutto: MILLE EURO AL GIORNO LA RACCOLTA FONDI POPOLARE PER IL FILM SU TIZIANO TERZANI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.