Interviste

IL CALENDARIO DI SETTEMBRE 2019

film-settembre

Dopo mesi estivi piuttosto fortunati, soprattutto grazie agli incassi de Il re leone, la stagione cinetografica entra nel vivo con i tantissimi film in uscita a settembre. Tra i più attesi, certamente Martin Eden con Luca Marinelli, il secondo capitolo di It, C'era una volta... a Hollywood di Quentin Tarantino e Ad Astra con Brad Pitt. Eccovi il calendario completo.

Leggi tutto...

La campagna di finanziamento popolare per la realizzazione del film che il regista Mario Zanot vuole trarre dal libro di Tiziano Terzani Un indovino mi disse, partita il 21 dicembre, viaggia al ritmo di circa mille euro al giorno. L'obiettivo ė di raccoglierne 500.000 entro l'inizio delle riprese, previsto per l'ottobre del 2013.

Tra i primi testimonial del comitato per la raccolta fondi, personaggi del giornalismo, della cultura, dello spettacolo tra cui Silver, il papà del fumetto Lupo Alberto, Angela Terzani Staude, scrittrice e moglie del giornalista, Franz Di Cioccio, musicista della Premiata Forneria Marconi, Raffaele Palumbo, giornalista di Controradio di Firenze, l'attore Valerio Mastandrea, con ogni probabilità il protagonista del film, ed Ettore Mo, il grande corrispondente del Corriere della Sera.

L'idea di fare un film dal libro più noto del giornalista fiorentino era nata nel 2004, durante le riprese di Anam il senzanome, l'ultima intervista a Tiziano Terzani. Da allora Mario Zanot ne ha scritto la sceneggiatura e il progetto ha trovato produttori in Germania e Svizzera, ma non ancora in Italia. Di qui l’idea del finanziamento popolare.

Lo spunto di partenza del film, che verrà girato interamente nelle locations originali asiatiche, è il seguente: nel 1976, un indovino di Hong Kong avvertì Terzani: “attento, nel 1993 corri un gran rischio di morire. In quell’anno non volare, non volare mai!” Terzani, corrispondente di guerra in crisi umana e professionale, non dimenticò la profezia e la trasformò in un’occasione per guardare il mondo con occhi nuovi. Non prese aerei per un anno, senza rinunciare però al suo lavoro di giornalista. Ne nacque un viaggio nell’anima dell’Asia dal quale Terzani uscì profondamente cambiato.

In un video, visibile tra alcuni giorni all’indirizzo web http://www.unindovinocidisse.it/dicono-del-film/le-interviste.html, il giornalista Ettore Mo rievoca il curioso primo incontro con il collega e amico fiorentino avvenuto a Delhi. Entrambi si erano recati in India per intervistare Madre Teresa di Calcutta. Ma la suora chiese loro di pulire il pavimento del lebbrosario. “Così a Calcutta scoprii che Tiziano Terzani aveva lavato i pavimenti prima di me. Tiziano è stato un grande giornalista, un grande  inviato paragonabile a Hemingway, che ha capito  e amato l’Asia. Aveva una  sua malinconia,  e non avrebbe  mai scritto nulla, senza  prima averla  verificata sul campo ”, racconta Mo.

{jcomments on}

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.