Tex70

Apre a Milano, presso il Museo della Permanente, la Mostra TEX. 70 ANNI DI UN MITO, dedicata all'importante compleanno del più longevo e venduto fumetto italiano. Si terrà dal 2 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019: l'abbiamo vista in anteprima e vi assicuriamo che, per tutti i fan del ranger creato dalla fantasia di Gianluigi Bonelli con il disegnatore Aurelio Galleppini, che debuttò in edicola il 30 settembre 1948, si tratta di un appuntamento davvero imperdibile. Curata dallo storico del fumetto italiano Gianni Bono in collaborazione con la Sergio Boneli Editore e patrocinata dal Comune di Milano, la mostra è un entusiasmante viaggio nella lunga storia del personaggio più iconico e celebre della storica casa editrice, vero e proprio fenomeno di costume che ha segnato varie generazioni di lettori. Lungo le sale, si snoda una mole di materiali comprendente moltissime tavole originali, albi, gadget, giocattoli, installazioni e memorabilia, con diversi pezzi rari o inediti.

Per chi non abbia mai letto le sue avventure e attraversato virtualmente deserti e praterie al suo fianco, Tex Willer è un ranger del Texas che percorre il Far West ottocentesco per raddrizzare torti e riparare ingiustizie. Con il nome di Aquila della Notte, è anche il capo bianco della tribù nei Navajos (è ufficialmente l'agente indiano della riserva) e vive le sue avventure in compagnia di tre "pards": l'amico fraterno Kit Carson, il figlio Kit e il fido navajo Tiger Jack. Un'epopea ispirata al western americano classico di cui spesso ha anticipato temi e stilemi (in particolare, l'impronta fortemente antirazzista e filoindiana) e che prosegue ininterrotta da sette decenni: Tex sta per raggiungere il numero 700 (senza contare i tanti numero speciali pubblicati negli anni) e non sembra sentire il passare degli anni. Anzi, dalla "costola" del fumetto sta per nascere Tex Willer, una nuova pubblicazione annunciata alla conferenza stampa di presentazione della mostra che uscirà per la prima volta a novembre in occasione del Lucca Comics & Games: raconterà alcune avventure inedite della giovinezza del protagonista, restando comunque fedele all'universo creato da Bonelli.

 TEX 1 prima striscia

Tra i tanti pezzi che è possibile ammirare nell'esposizione, segnaliamo la prima vignetta che inaugurò la lunga storia di Tex (figura sdopra), sceneggiature originali e bozzetti, fotografie, copertine, edizioni straniere del fumetto, alcune macchine da scrivere appartenute a Gianluigi Bonelli, tra cui l’Universal 200 con cui furono scritte le primissime storie, oggetti di merchandinsing (tra cui alcune rarità), una lettera inviata da Sergio Bonelli a un lettore e il plastico di un parco di divertimenti dedicati al ranger, attualmente in fase di progettazione. E ancora, e soprattutto, decine e decine di tavole originali realizzate dai tanti disegnatori che si sono avvicendati negli anni (da Giovanni Ticci a Gugliemo Letteri, da Erio Nicolò a Claudio Villa) e dai pochi che hanno avuto l'onore di scriverne le sceneggiature (la stragrande maggioranza delle storie porta la firma di quattro autori: Bonelli, Guido Nolitta alias Sergio Bonelli, Claudio Nizzi, l'attuale curatore Mauro Boselli).

La mostra è aperta dal lunedì al mercoledì e dal venerdì alla domenica dalle 9.30 alle 20, il giovedì dalle 9.30 alle 22.30 (qui le indicazioni su orari e prezzi dei biglietti). Sono inoltre previsti una serie di incontri con sceneggiatori, disegnatori e curatori: Michele Masiero (direttore editoriale di Sergio Bonelli Editore), Mauro Boselli (curatore di Tex), Gianni Bono (curatore della mostra), i disegnatori Claudio Villa, Alessandro Piccinelli, Maurizio Dotti e Pasquale del Vecchio.

 

 tex2

 

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI OTTOBRE 2018

7-sconosciuti-el-royale

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di OTTOBRE 2018

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.