Stampa 

specchia

Giunta ormai alla sua dodicesima edizione, torna a Specchia l'appuntamento con la Festa di Cinema del reale, in programma da mercoledì 22 a sabato 25 luglio 2015.

Come sempre, non di solo cinema vive questa rassegna: vernissage, happening, concerti, mostre, food experience, installazioni, design, aperitivi musicali e dj set saranno al centro dell'attenzione nei quattro giorni di kermesse. Una festa di contaminazioni creative che promuove le narrazioni del reale mettendo in dialogo film e musica, fotografia e scrittura, cibo e arti visive.

Nel corso degli anni La Festa di Cinema del reale si è trasformata in un punto di riferimento per tutto il cinema documentario internazionale e in uno degli eventi più attesi dell’estate in Puglia. Film sperimentali, film-saggio, diari personali, film di famiglia, grandi reportage, inchieste storiche, narrazioni classiche, racconti frammentari. Più di 50 proiezioni, tante anteprime italiane omaggi ed eventi speciali. Opere di autori riconosciuti o meno noti, con diversi orizzonti geografici, politici e culturali, espressione di un cinema che generalmente dispone di limitate risorse economiche, tuttavia è dotato di grandi capacità inventive e comunicative. Un cinema indipendente e ribelle, che fa incontrare le persone e invita a scoprire e trasformare i luoghi (non a caso il direttore artistico dell'evento è un filmmaker, Paolo Pisanelli).

Con oltre 50 proiezioni in programma, questa nuova edizione ospiterà un focus dedicato alla Grecia e al nuovo cinema ellenico con tre autrici innovative ospiti d’onore della Festa, tra anteprime e prime visioni italiane: Daphné Hérétakis, Kostantina Kontzamani, Eva Stefani. Crisi, disagi, speranze nei loro film che raccontano con forza e ironia la Grecia di oggi e le cose che accadono, tra eventi reali e surreali.

Grande spazio sarà dedicato ai documentari musicali: il travolgente Finding Fela del Premio Oscar Alex Gibney, film che ha ottenuto tantissimi riconoscimenti e che ripercorre la vita del musicista nigeriano Fela Kuti, ne descrive l’impegno civile e morale che ha pervaso sua la vita e la sua musica. Muscle Shoals è un documentario sullo studio di registrazione in Alabama che si è rivelato improbabile terreno fertile di alcune delle musiche più creative e provocatorie d’America, contribuendo alla creazione di alcune delle più importanti e risonanti canzoni di tutti i tempi.

Dopo il suo approdo al Lido di Venezia nella passata edizione, sarà proiettato anche Io sto con la sposa, documentario pluripremiato di Gabriele Del Grande, Antonio Augugliaro e Khaled Soliman Al Nassiry, un viaggio carico di emozioni che mostra un’Europa sconosciuta. Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque profughi in fuga dalla guerra e sbarcati a Lampedusa. Decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia mettendo in scena un finto matrimonio. Sempre sul tema del viaggio è incentrato Ella Maillart - Double Journey di Mariann Lewinsky e Antonio Bigini, che attraverso lettere, diari, filmati e fotografie traccia il ritratto di una delle più grandi viaggiatrici e fotografe del secolo scorso. Un’anteprima da non perdere sarà Viaggio a Lipari di Cecilia Mangini, colonna portante della Festa di Cinema del reale che racconta, in un cortometraggio inedito, gli scatti fotografici realizzati dalla grande documentarista nel 1952 a Lipari. Questo fondo costituirà parte del nuovo museo di prossima apertura dell’isola siciliana.

La Festa di Cinema del reale è anche occasione di incontro e di scambio tra il pubblico, gli autori, i produttori e gli operatori culturali. Parteciperanno a Poetiche/Pratiche, seminari brevi tenuti dai grandi protagonisti del cinema documentario, gli ospiti della Festa. Niente lezioni frontali, ma vere e proprie colazioni con degustazioni della pasticceria tipica locale, da trascorrere in compagnia di registi, autori, produttori. Quest’anno una lezione sul mockumentary sarà tenuta da Daniele Vicari, regista di grande impegno civile, premiato già due volte nelle scorse edizioni. Addetti ai lavori, ma anche turisti, curiosi, studenti e gli stessi abitanti del borgo si uniranno in uno stretto dialogo e legame con i luoghi.

Insomma, un appuntamento interessante e stimolante soprattutto per gli amanti del documentario e delle sue derive.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.