Interviste

IL CALENDARIO DI SETTEMBRE 2019

film-settembre

Dopo mesi estivi piuttosto fortunati, soprattutto grazie agli incassi de Il re leone, la stagione cinetografica entra nel vivo con i tantissimi film in uscita a settembre. Tra i più attesi, certamente Martin Eden con Luca Marinelli, il secondo capitolo di It, C'era una volta... a Hollywood di Quentin Tarantino e Ad Astra con Brad Pitt. Eccovi il calendario completo.

Leggi tutto...

locandina-film-philomenaQuando un prodotto audiovisivo è in grado di mettere in scena una storia di sentimenti primigeni come se fosse una elegia poetica merita sicuramente un plauso speciale. È il caso questo di Philomena, il nuovo film del britannico Stephen Frears, presentato in concorso alla 70esima edizione del Festival di Venezia.

 

Per questo suo ultimo lavoro, Frears, decide di basarsi su una storia realmente accaduta, raccontando con la consueta classe registica la storia di Philomena (Judy Dench), un’anziana donna irlandese alla quale durante la giovinezza, le suore del convento di Roscrea, portarono via il figlioletto di quattro anni per farle scontare la punizione di essere rimasta incinta da adolescente, etichettandola come “donna del peccato”. Dopo 50 anni la donna, che nel frattempo ha avuto un’altra figlia, non ha mai dimenticato quel bambino tenero e sensibile che aveva visto crescere fino ai quattro anni di vita e del quale custodisce gelosamente l’unica fotografia che possiede. Nonostante Philomena abbia cercato in tutti i modi nel corso degli anni di mettersi in contatto con il figlio, le sue ricerche si sono sempre concluse con una nulla di fatto. Quando però sua figlia conosce ad una festa Martin Sixmith (Steve Coogan), giornalista deluso dal mondo della politica dal quale proviene e propenso a raccontare una storia diversa, l’agognato sogno di Philomena di ricongiungersi con il figlio torna prepotentemente a riprendere forma.

L’opera possiede tutte le carte in regola per conquistare i favori del pubblico e della critica perché è imperniata sulle emozioni universali, alle quali è difficile porre resistenza. Frears intesse infatti una commovente elegia sul valore profondo e intenso dei legami umani che sopravvivono al tempo e sull’amore eterno di una madre per il proprio figlio.

E riesce a fare ciò attraverso una scrittura cristallina di sottile pulizia drammaturgica che si appoggia su dialoghi serrati e misurati nei quali la coppia di attori protagonisti formata da Lady Judy Dench e da Steve Coogan (tra i produttori del film nonché autore dello script insieme a Jeff Pope) dà veramente il suo massimo, proponendo un duetto scenico formidabile, in grado di far cogliere l’intensità emotiva dei momenti chiave della narrazione.

Un film quindi dall’impianto scenico brillante che trova nell’equilibrio di tutte le sue componenti il pregio più evidente e che confidiamo non passerà inosservato nemmeno alla giuria del concorso.

 

 

Voto: 3,5/4{jcomments on}

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.