dreamworks-anim

Per anni paragonata (al ribasso) con i "rivali" della Pixar, la DreamWorks Animation SKG ha segnato in modo significativo la storia del cinema d'animazione, sotto l'egida dei fondatori Steven Spielberg, Jeffrey Katzenberg e David Geffen. Con film e saghe di forte impatto e straordinario successo di pubblico quali Shrek, Kung Fu Panda e Madagascar, solo per citare i titoli più celebri, ha creato un modello e un immaginario visivo e narrativo di forte riconoscibilità. Questo a dispetto dei già citati (e inutili) confronti con la concorrenza, che come conseguenza hanno prodotto una sottovalutazione dei film in questione e una scarsità assoluta di studi e pubblicazioni, almeno in Italia. A colmare questa lacuna ci pensa il volume DreamWorks Animation. Il lato chiaro della luna, edito da Bietti nella collana Heterotopia e curato da due nomi già noti a I-FILMSonline: Matteo Mazza e Simone Soranna.

Il libro traccia una panoramica esaustiva che parte dalla storia della società (compreso il "divorzio" di Katzenberg da Disney) ed espone minuziosamente le caratteristiche del cinema DreamWorks Animation, definito "un sovversivo che altera gli schemi codificati del mercato e il sistema di attese dello spettatore": una cinematografia che affabula, fa ridere, diverte e intrattiene ma al tempo stesso "rovescia l'ordine del consueto" e rielabora, destabilizza, destruttura topoi della cultura occidentale (famiglia, amicizia, identità, libertà), trovando così "un ruolo determinante all’interno dell’industria cinematografica mondiale".

L'intera (corposissima) filmografia da Z - La formica in poi viene sottoposta ad analisi partendo da macrotemi e cercando correlazioni tra i titoli, con il fine di individuare l'obiettivo che sta alla base di DreamWorks Animation: "diventare un unicum cui i sognatori possono affidarsi per cercare qualcosa di diverso, qualcosa di nuovo, una luce ferma e affidabile in grado di illuminare la notte e orientare i naviganti dispersi nel mare magnum della produzione animata mondiale".

Si va dal rapporto tra umani e animali al periodo del tradigital, alla proficua collaborazione con Aardman Animations (da Galline in fuga a Wallace & Gromit) e alla produzione dell'ultima decade, passando ovviamente le quattro saghe (Shrek, MadagascarKung Fu Panda, Dragon Trainer). Nove capitoli dettagliati (a loro volta suddivisi in sottocapitoli titolati con citazioni dei film) che restituiscono un'indagine completa e approfondita, impreziositi dalla prefazione curata da Manlio Castagna e da una bella chicca: la sezione interviste a celebrità italiane che hanno partecipato al doppiaggio, quali Fabio Volo (il panda Po), Ale & Franz (il leone Alex e la zebra Marty) e Francesco Pannofino (Grug di I Croods). In conclusione, un libro perfetto per gli appassionati e consigliato a chi vuole approfondire il ruolo fondamentale giocato dall'animazione nel cinema contemporaneo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.