Interviste

IL CALENDARIO DI NOVEMBRE 2019

calendario-novembre2019

Scorsese, Polanski, Allen: cosa chiedere di più a questo calendario delle uscite in sala di novembre? Un mese ricchissimo, che vede anche il ritorno di Ken Loach, di Frozen, l'arrivo della Palma d'Oro Parasite e di un atteso film d'animazione italiano come La famosa invasione degli orsi. Senza dimenticare che anche gli attori possono tirare fuori doti da regista, come dimostrano i casi di Edward Norton, Casey Affleck e Marco Bocci. Di seguito, tutte le uscite del mese.
Leggi tutto...

kissing-candice

La cinematografia irlandese, che raramente trova posto nella distribuzione italiana, è la grande protagonista dell'Irish Film Festa, manifestazione ospitata da undici edizioni a Roma, presso la Casa del Cinema. Tra i titoli proposti dell'edizione 2018 c'è l'esordio cinematografico della regista Aoife McArdleKissing Candice è incentrato sulla storia di una diciassettenne inquieta ed eccentrica, affetta da epilessia, in una desolata cittadina dell'Irlanda del Nord. Candice (Ann Skelly) è attratta da un ragazzo che ha visto in sogno (Ryan Lincoln), ma che disgraziatamente fa parte di una banda di giovinastri che sembra legata alla tragica scomparsa di un ragazzino.

Nonostante le premesse, Kissing Candice ha ben poco a che vedere con il genere teen movie tradizionalmente conosciuto (anche quello d'autore: è siderale la distanza da Lady Bird) e sfugge anche ai confini del thriller, per rivelarsi piuttosto un viaggio bizzarro e a tratti inquietante nei meandri più oscuri dell'adolescenza e dell'animo umano. Sospeso tra tensione e onirismo, dramma e allucinazione, il film sembra citare per brevi tratti addirittura il cult Donnie Darko, ma è al tempo stesso un curioso oggetto con un'identità propria molto marcata. La McArdle viene dal mondo del videoclip  e della pubblicità (ha diretto video per Bryan Ferry e U2 tra gli altri) e si vede: l'indubbia potenza visiva si risolve in un'opera sin troppo manierista e tutta incentrata sulla forza dell'immagine, a scapito di una storia narrativamente farraginosa e confusa in cui la cornice soffoca il quadro. Ciononostante, la giovane regista nordirlandese di Omagh dimostra una sensibilità e una disinvolutura con la macchina da presa per cui merita certamente di essere tenuta d'occhio. E la protagonista Ann Skelly è semplicemente eccezionale. Nel cast anche il grande attore John Lynch.

Voto: 2/4

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.