Far East Film Festival 2022

caught-in-time

La storia vera del più feroce rapinatore di sempre in Cina è la fonte di ispirazione di Caught in Time, decisamente uno dei film più adrenalinici visti nell'edizione 2022 del Far East Film Festival, a riprova dell'ottimo stato di salute del cinema action asiatico. L'ambientazione - anni 90 - è in diverse città cinesi, ma lo stile è quello di Hong Kong, che co-produce ed è la madrepatria del regista Lau Ho-leung qui all'opera seconda, per raccontare la lotta senza quartiere tra la banda dell'astutissimo quanto spietato Falcon Zhang (l'attore americano Daniel Wu) e la squadra di agenti guidata dal veterano capitano di polizia Zhong Cheng (Wang Qianyuan).

Leggi tutto: Far East Film Festival 2022: la recensione di Caught in Time

too-cool-to-kill

Tra gli ultimi film presentati nella versione "fisica" al Far East Film Festival 2022 di Udine e terzo classificato tra i premiati (oltre che vincitore del premio all'opera prima), Too Cool to Kill è semplicemente una delle cose più divertenti che ci sia capitato di vedere da un po' di anni a questa parte. Remake del giapponese The Magic Hour, è una specie di favola comica sulla soglia del demenziale che è anche una dichiarazione d'amore al cinema così accorata da essere quasi commovente. 

Leggi tutto: Far East Film Festival 2022: la recensione di Too Cool To Kill

miracle 

Il pubblico del Far East Film Festival 2022 ha deciso di consacrare con il primo premio Miracle: Letters to the President, tragicommedia sucoreana firmata da Lee Jang-hoo ad alto tasso di zuccheri ed emozioni. La storia ruota intorno a un giovane genio della matematica, che lotta con tutte le sue forze per far costruire una stazione ferroviaria nel suo isolatissimo paesino. Per anni invia lettere al presidente coreano affinché assecondi la sua richiesta (da qui il titolo) ma sarà la sua ostinazione e la sua intelligenza a portarlo a realizzare se stesso e i suoi sogni.

Leggi tutto: Far East Film Festival 2022, la recensione di Miracle: Letters to the President

feff-2022

Si conclude il 30 aprile la 24esima edizione del Far East Festival (di cui continueremo a parlarvi con le recensioni dei film). Un'annata che ha visto il ritorno al Teatro Nuovo di Udine e le folle dei vecchi tempi, penalizzata dall'incidente di percorso di Takeshi Kitano - che non è riuscito a venire ma ha comunque ricevuto il Gelso d'Oro alla carriera in videocollegamento - ma complessivamente positiva, con un bel programma ricchissimo e decisamente variegato. Ecco i premi, assegnati dalla valutazione del pubblico presente.

Leggi tutto: Far East Film Festival 2022, i premi

hostage

Hwang Jung-min è un celebre attore coreano (visto ad esempio negli splendidi New World e Deliver Us From Evil, entrambi passati gli scorsi anni al Far East Film festival), che in Hostage: Missing Celebrity interpreta... se stesso, protagonista di una drammatica situazione che ci auguriamo non debba mai capitare veramente all'interprete. Tranquillo antidivo, viene rapito da una banda di brutali sequestratori, che già tengono in ostaggio una ragazza e mirano a ottenere un ricco riscatto. La gang, guidata da un boss di rara crudeltà, deve però fare i conti con la tenacia (e la capacità recitativa) di Hwang, che tenta la fuga in una susseguirsi di peripezie e colpi di scena.

Leggi tutto: Far East Film Festival 2022, la recensione di Hostage: Missing Celebrity

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.