locandina-miseria-e-nobiltàDomenica 17/02/13, ore 22.50, TV 2000

 

Tratto dall’omonima opera teatrale di Eduardo Scarpetta (da lui stesso interpretata in un film andato perduto del 1914 per il regista Enrico Guazzoni) portata sullo schermo già nel 1941 e diretto da Mario Mattòli, Miseria e nobiltà è uno dei vertici del cinema italiano (del periodo e di ogni tempo) grazie soprattutto alla strepitosa interpretazione di Totò, alias Felice Sciosciamocca, uno scrivano squattrinato che viene ingaggiato con tutta la famiglia come falso aristocratico. Lo scopo è quello di aiutare il marchesino Eugenio (Franco Pastorino) a sposare l’amata Gemma (Sophia Loren).

{jcomments on}

Una girandola di equivoci e colpi di scena rende scoppiettante questo apologo sulla miseria e sulla fame del popolo, trasformato da un Totò impareggiabile in pietra miliare. Memorabile ed entrata di diritto nell’immaginario collettivo la scena in cui Sciosciamocca e famiglia mangiano spaghetti e se li mettono in tasca, per paura che qualcuno glieli porti via. “Torno nella miseria, però non mi lamento: mi basta sapere che il pubblico è contento.” E in questa battuta conclusiva c’è tutto.

Un gioiello da vedere e rivedere.

Imperdibile.

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI FEBBRAIO 2019

 tramonto

Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di FEBBRAI2019

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.