locandina-accattoneMartedì 05/03/13, ore 00.50, Rai Movie

 

L’esordio cinematografico di Pier Paolo Pasolini, uno dei registi più amati e controversi del cinema italiano, intellettuale osannato e discusso, che dal racconto della Roma proletaria prende avvio, come scrittore prima e come cineasta poco più avanti.

Reduce dalle esperienze letterarie di Ragazzi di vita (1955) e Una vita violenta (1959), Pasolini racconta in questo film la vicenda di Accattone, poveraccio romano che tira a campare tra espedienti e sfruttamento della prostituzione.

 

Convinto fautore della necessità di impiegare attori non professionisti per meglio incarnare la cruda realtà del sottoproletariato, Pasolini scelse per questo film lo sconosciuto Franco Citti, che divenne poi una presenza costante in molti suoi film, e che era fratello di Sergio, suo storico collaboratore.

Un esordio low-budget che contiene già molta della filosofia pasoliniana che verrà sviluppata nel corso della sua carriera e che non mancò di suscitare scandalo e contestazioni, incorrendo anche nella censura.

Da non perdere.

{jcomments on}

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.