Cinema orientale

hong-kong-express

Sognare la California da un chiosco delle Chungking Mansions di Hong Kong, o mangiare ananas scadute per dimenticare una storia d'amore finita. Dal 1994 le note di California Dreamin' o di Dreams dei Cranberries rifatta da Faye Wong, la scala mobile percorsa da quest'ultima o gli occhiali neri e il soprabito di Brigitte Lin, sono elementi sedimentati nell'iconografia del cinema romantico, quello che racconta i turbamenti dell'animo umano e i dolori del cuore. I più cinefili riconoscono al primo frame Hong Kong Express, il secondo tassello della filmografia di Wong Kar Wai, dopo In the Mood for Love, che Tucker Film riporta nelle sale italiane con restauro in 4K, a 17 anni dall'uscita. 

Leggi tutto: HONG KONG EXPRESS di Wong Kar-Wai, la recensione

inthemoodforlove

Il ritorno di In the Mood for Love nei cinema non è solo un segno della ripartenza delle sale ma un gesto davvero coraggioso per rilanciare la centralità del grande schermo nell'esperienza dello spettatore. Il sommo capolavoro di Wong Kar-Wai, opera spartiacque del cinema d'autore che aprì il terzo millennio, ha subito un accurato prezioso restauro da parte dell’Immagine ritrovata di Bologna e della Criterion di New York, approvato e supervisionato dallo stesso regista, e viene riproposto in 4K.

Leggi tutto: IN THE MOOD FOR LOVE di Wong Kar-Wai, la recensione

Oldboy-locandina“Sebbene io sappia di essere peggio di una bestia, non crede che abbia anch'io il diritto di vivere?”

Prima di Oldboy il cinema coreano nel nostro Paese era conosciuto quasi esclusivamente per il talento immenso di Kim Ki-duk e qualche film horror arrivato nelle nostre sale sulla scia del successo del J-Horror giapponese. Il nome stesso di Park Chan-wook era noto unicamente da quella ristretta comunità cinefila che, in barba alla miope distribuzione italiana, trovava nell' estremo oriente veri e propri tesori.

Dopo essere stato portato sul palmo di una mano da Quentin Tarantino a Cannes, Oldboy raggiunge finalmente le sale italiane facendo conoscere al pubblico più ricettivo uno dei registi più significativi degli ultimi dieci/quindici anni e la sua solidissima trilogia tematica: anticipato da Symapthy for Mr. Vengeance (uscito da noi direttamente in home video con il titolo Mr. Vendetta) Oldboy è il secondo capitolo di quella che è stata definita la "trilogia della vendetta".

Leggi tutto: OLD BOY di Park Chan-wook (2003)

maddetectiveIl sodalizio tra Johnnie To e Wai Ka Fai non ha portato solo alla fondazione di quella fucina di talenti e grande cinema nota come Milkyway, ma anche ad un gran numero di collaborazioni tra i due, sia come produzioni che come regia. Presentato come film a sorpresa durante Venezia 2007 e nella selezione del Far East Film Festival di Udine l' anno successivo, Mad Detective è sicuramente ascrivibile tra queste ultime.

Girata a quattro mani da To e Wai, la pellicola ruota intorno al personaggio di Bun, il miglior investigatore della polizia di Hong Kong dotato di un grandissimo intuito e di un innato talento nell'immedesimarsi tanto nelle vittime che nei carnefici. Ma quel che lo rende un gradino superiore agli altri è la capacità di vedere la reale personalità di ogni individuo, particolarità che, unita a comportamenti estremi, gli sono valsi una diagnosi di schizofrenia e la perdita del suo lavoro. Quando un poliziotto scopare durante un inseguimento e con la sua pistola vengono uccise delle persone in tre diverse rapine, Bun è richiamato in servizio per aiutare un giovane collega a risolvere il caso.

Leggi tutto: MAD DETECTIVE di Johnnie To e Wai Ka-Fai (2007)

Locandina-Akira16 Luglio 1988. Una violenta esplosione rade al suolo la città di Tokyo dando inizio alla terza Guerra Mondiale. Trent' anni dopo, sulle ceneri della vecchia capitale giapponese sorge Neo Tokyo, il cui skyline futuristico nasconde un malcontento che cresce e si agita nei suoi bassifondi dove la gente si ribella ed invoca a gran voce il ritorno di Akira, il salvatore.

16 Luglio 1988. Akira di Katsuhiro Otomo arriva nelle sale giapponesi con l' impatto di una violenta esplosione, la cui potenza scuote il mondo intero dell' animazione arrivando anche a svegliare da un lungo torpore perfino gli Stati Uniti e l' Europa, anche se con un paio d' anni di ritardo.

Leggi tutto: AKIRA di Katsuhiro Otomo (1988)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.