Speciale Berlinale

berlinale-2018

Interviste

IL CALENDARIO DI FEBBRAIO 2018

post-2-the

Ecco il calendario cinematografico del mese, con tutte le uscite in sala di FEBBRAIO 2017. Grande attesa per The Post di Steven Spielberg, ma anche per Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson, mentre si concluderà la trilogia Cinquanta sfumature e Gabriele Muccino tornerà con un film tutto italiano, A casa tutti bene

Leggi tutto...

ave-cesare

Giunti alla loro terza apparizione sugli schermi della Berlinale (in precedenza i fratelli più famosi di Hollywood avevano presentato in Germania Il grande Lebowski e Il Grinta), Joel ed Ethan Coen aprono l'edizione numero 66 del Festival di Berlino con una pellicola che vive e si nutre di cinema.

Ave, Cesare! infatti non è una semplice commedia ambientata nelle profondità dell'industria cinematografica statunitense degli anni Cinquanta, ma un'opera che si propone di analizzare e comprendere al meglio la suddetta industria odierna.

Strutturato secondo l'abile e spassosa narrativa che da sempre contraddistingue i film dei registi e forte inoltre di un nutrito gruppo di attori completamente calati nella parte (Josh Brolin, George Clooney, Channing Tatum, Tilda Swinton, Scarlett Johansson, Frances McDormand e Ralph Fiennes), il film diverte e convince per la maggior parte della sua durata senza avere alcuna intenzione di giocare sulla meschina malinconia di un passato che in molti (anzi, troppi) rivendicano senza aver mai vissuto. 

Citazioni cinefile a parte, Ave, Cesare! parla di cinema dimostrando come tutto cambia al fine di non cambiare mai. I generi, le dive, gli autori, i giornalisti, la messa in scena sono tutti descritti e restituiti al grande pubblico come maschere di un carnevale sicuramente variopinto e attuale. Brolin (ottimo nella parte) girovaga per gli studios della Capitol così come i Coen si addentrano in una sfilata di sequenze spot autosufficienti e poco scandagliate.

Purtroppo, un finale poco all'altezza e un approfondimento tematico meno convincente e avvolgente del dovuto (curiosa e intelligente la scelta di paragonare la società capitalista all'industria di Hollywood, peccato rimanga solo uno spunto) potrebbero lasciare il palato più asciutto del previsto. 

In ogni caso però, il cinema dei fratelli Coen rimane ossigeno prezioso per i nostri polmoni, e non possiamo far altro che approfittarne per depurarci un po' dallo smog quotidiano.

 
Voto: 2,5/4

Risultati di ricerca

 

Login

Social Network

IL SUPERPAGELLONE DI GENNAIO 2018

chiamami-col-tuo-nome3 

 Ed eccoci al momento del nostro superpagellone del mese. Ecco tutti i voti della redazione ai film di GENNAIO 2017. Il film migliore del mese per noi è Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino.

Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più vai alla sezione Privacy e sicurezza.